Festival Salento Classica

Con il prossimo concerto della Stagione Sinfonica d’Estate 2015, l’Orchestra Sinfonica Tito Schipa inaugura il “Festival Salento Classica”, il segmento estivo che il direttore artistico della Fondazione Tito Schipa, il maestro Ivan Fedele, ha voluto accostare alle prestigiose stagioni estive, riscuotendo grande partecipazione e successo di pubblico. Appuntamento a Lecce domani,  alle ore 21.30, nell’atrio di Palazzo dei Celestini. L’edizione 2015 del “Festival Salento Classica” avrà come protagonista il violoncello. Si alterneranno infatti, nei cinque concerti previsti in programma dal 20 agosto al 9 settembre, alcuni tra i più interessanti violoncellisti del panorama internazionale: il musicista nato a Buenos Aires Fernando Caida Greco, la medaglia d’oro nel 1970 al Concorso Tchaikowsky di Mosca David Geringas, il pugliese Nicola Fiorino e lo spagnolo Asier Polo. “In un momento di precarietà riguardo alle prospettive future  dell’Orchestra Tito Schipa di Lecce, la terza edizione del Festival  Salento Classica è l’occasione migliore per ribadire il ruolo  fondamentale e strategico della nostra compagine per la vita cultura della città di Lecce e della sua provincia. L’auspicio è che questa  serie di concerti all’aperto sia l’inizio di una nuova stagione che veda protagonista una delle più belle realtà musicali della Puglia. L’invito  è come sempre rivolto al pubblico affinchè riconosca anche quest’anno l’ampio successo che l’Orchestra ha riscosso nelle due edizioni
precedenti”, dichiara il maestro Ivan Fedele. Per i cinque appuntamenti sul podio dell’Orchestra Sinfonica Tito Schipa ci sarà lo spagnolo Josè Ramon Encinar, vincitore del Premio Nacional de Musica del Ministero della Cultura Spagnolo e dal 1994 accademico della Real Academia de Bellas Artes di Granada. Attualmente direttore principale e direttore artistico dell’Orquesta y Coro de la Comunidadde de Madrid. Il concerto di inaugurazione è affidato a Fernando Caida Greco che eseguirà il Concerto n. 1 in la minore per violoncello e orchestra op.33 di Camille Saint-Saëns. Per l’occasione Caida Greco seguirà la prassi esecutiva dell’epoca e utilizzerà un violoncello Claude Augustin Miremont (Parigi 1880) in condizioni originali, con montatura in budello nudo, in tutto e per tutto identico a quello usato nel 1873 da Auguste Tolbecque, primo interprete di questo concerto. Nell’altra parte del programma Encinar dirigerà la sinfonia da La gazza ladra di Gioacchino Rossini e la Sinfonia n. 4 in la maggiore, op. 90 “Italiana “di Felix Mendelssohn-Bartholdy.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com