Falsi incidenti per truffare assicurazioni, 12 misure

La polizia municipale di Genova ha eseguito 12 misure cautelari nell’ambito di una inchiesta su falsi incidenti per truffare le assicurazioni. Eseguiti sequestri per equivalente di beni per 7 mln e 200 mila euro oltre dei veicoli coinvolti. I reati contestati sono associazione a delinquere finalizzata alla truffa, simulazione di reato, danneggiamento, falsa testimonianza, riciclaggio. Perquisizioni a Genova, Savignone, Santa Margherita, Crocefieschi, Vobbia, Recco e Casella.

Una persona e’ in carcere, 9 ai domiciliari, una ha obbligo di firma e un avvocato e’ stato interdetto dalla professione per 6 mesi. Capo della banda un carrozziere genovese. Gli altri destinatari di misure cautelari sono suoi dipendenti o persone a lui collegate tra cui l’avvocato e un ex commissario della polizia locale genovese in pensione. Alcuni di loro hanno simulato fino a 53 incidenti, in alcuni casi due nello stesso giorno con lo stesso veicolo. L’attivita’ durava da 10 anni. A insospettire gli agenti l’incidente con una Porsche Cayenne alla cui guida risultava una donna di 93 anni morta da un anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com