Facebook: raccolti oltre 2 miliardi di dollari in beneficenza

Facebook ha raccolto oltre 2 miliardi di dollari attraverso gli strumenti di beneficenza attivi sul social network. Circa la meta’ e’ arrivata grazie alle raccolte fondi attivate dagli utenti in occasione del proprio compleanno. Lo ha annunciato il gruppo guidato da Mark Zuckerberg. In principio e’ stato l’Ice Bucket Challenge, cinque anni fa: persone comuni, sportivi e attori si sono versati addosso un secchio di acqua ghiacciata per promuovere la ricerca sulla Sla. Poco prima della doccia fredda, nominavano le prossime “vittime”. L’iniziativa e’ diventato cosi’ virale, permettendo di raccogliere milioni di dollari. Facebook ha fatto da megafono, ma allora non aveva ancora degli strumenti specifici dedicati alla beneficienza. L’Ice Bucket Challenge e’ stata l’ispirazione per sviluppare i primi, nel 2015. Da allora, gli utenti possono aprire una raccolta da destinare a un’organizzazione senza scopo di lucro: a oggi – ha rivelato Facebook – lo hanno fatto oltre 45 milioni di persone, una platea piu’ che raddoppiata negli ultimi 10 mesi.

i tratta di iniziative che vanno da poche centinaia a migliaia di euro, come dimostrano gli esempi italiani segnalati da Facebook per celebrare il traguardo dei 2 miliardi. “Raccolta fondi di Paola per l’acquisto di un defibrillatore per Cefalu'” ha ottenuto 1.500 euro, donati al Comune siciliano. Il progetto #cimettiamolegambe ha raccolto oltre 10.000 euro, destinati al progetto Roadrunnerheart. Obiettivo: far correre il maggior numero di persone possibile grazie alla realizzazione di protesi per sportivi. Tra le non profit che hanno beneficiato degli strumenti di Facebook, il social network ricorda l’Associazione Italiana contro la Leucemia, la Casa delle donne per non subire violenza e Dynamo Camp, associazione che offre gratuitamente programmi di terapia ricreativa rivolti a bambini e ragazzi dai 6 ai 17 anni affetti da patologie gravi o croniche, in terapia o nel periodo di post ospedalizzazione. Ma e’ soprattutto in occasione dei compleanni che gli italiani si sono dimostrati generosi. L’utente Elio Pacilio ha festeggiato con una raccolta di 3.400 euro in favore di Green Cross Italia, Ong per lo sviluppo sostenibile. Anna e i suoi amici hanno invece devoluto 1431 euro a Epsilon Onlus, l’associazione che la festeggiata ha contribuito a creare: dal 2004 si impegna a sostegno dell’infanzia disagiata e la raccolta contribuira’ alla costruzione di una scuola materna in Togo. Dallo scorso luglio, c’e’ un ulteriore strumento a supporto delle cause benefiche, su Instagram. Lo sticker “donazioni” consente a chiunque, associazioni e singole persone, di avviare, grazie a un “adesivo” all’interno delle Storie, una raccolta fondi della durata di 24 ore. Tra le organizzazioni italiane che lo hanno gia’ utilizzato, c’e’ My name is help, onlus fondata da un gruppo di amici di Bergamo con il desiderio di migliorare il livello di istruzione dei bambini indigenti della zona di Watamu, in Kenya. L’adesivo e’ stato utilizzato anche da Still I rise, organizzazione non governativa nata nel 2018 con l’obiettivo di restituire il diritto all’educazione, alla protezione e alla sicurezza dei minori rifugiati presenti nell’hotspot di Samos, in Grecia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com