Eurogruppo: “Il Mes già approvato, può slittare di due mesi”

Diventa un giallo la firma del Trattato Mes. Il presidente del consiglio Giuseppe Conte nell’Aula della Camera dei Deputati ha spiegato che l’Italia non ha messo nessuna firma sul Trattato. Ma, come riporta l’Ansa, fonti dell’Eurogruppo coinvolte nel negoziato sul Mes, affermano che la riforma del testo “è stata già approvata a giugno, stiamo solo discutendo la legislazione secondaria, meglio chiudere ora”.

“La firma del Trattato sul Mes a dicembre non è necessaria, può avvenire uno due-mesi più tardi”: rilevano le fonti europee.

L’attuale testo di riforma relativo al meccanismo europeo di stabilità è “soddisfacente”, affermano, poi, fonti diplomatiche francesi interpellate dall’ANSA a Parigi.

Secondo queste fonti, il testo “rafforza il meccanismo europeo di stabilità, migliora l’efficacia dei suoi strumenti di precauzione” e “rafforza il quadro di sostenibilità del debito nella zona euro, rendendo minimi i potenziali effetti sulla stabilità finanziaria”.

Comunque fino a oggi l’Italia non avrebbe chiesto all’Eurogruppo alcun rinvio della firma della riforma del Mes. Per passare, la riforma ha bisogno del’unanimità dei Paesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com