Esce ‘Difret’, il film prodotto da Angelina Jolie

Con la conoscenza e la consapevolezza si può arrivare a un cambiamento. Anche in questi tempi bui, per i diritti civili e per le donne. Ne sono convinti Zeresenay Berhane Mehari, regista di “Difret – Il coraggio per cambiare”, e Angelina Jolie, produttrice esecutiva dell’opera, un potente dramma giudiziario con i contorni di un thriller. Storia vera di Hirut, agazzina etiope che sfida le leggi della Telefa, il rituale del rapimento a scopo di matrimonio, e di una giovane donna avvocato che l’aiuta a difendersi. Il film sta arrivando in Italia e sarà nelle sale domani, 21 gennaio, distribuito da Satine Film, sull’onda di un entusiasmo trascinante. Pareri molto positivi sono giunti dalla critica e dalle autorità dei governi inglese, americano ed etiope. Tra questi, quello di John Kerry, Segretario di Stato Usa: “E’ una storia di coscienza che dovrebbe ispirare tutti noi”. Difret è il terzo film in 35mm uscito dall’Etiopia. Vincitore di numerosi riconoscimenti, tra cui i Premi del Pubblico al Sundance Film Festival di Robert Redford e alla Berlinale 2014, è un film importante e coraggioso, che affronta il delicato passaggio dalla tradizione tribale, secondo cui una bambina può esser rapita con la violenza dal suo futuro sposo, alle garanzie della legge costituzionale del paese, per il rispetto della dignità umana.  Temi che hanno portato all’italiana Satine film il premio “Cineteca Italiana/Trust-Nel nome della donna”, per l’alto messaggio di giustizia sociale in difesa dei diritti civili presenti in quest’opera. Nel suo ruolo di Ambasciatrice di buona volontà dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, la co-produttrice Jolie ha promosso il ‘Global summit per la fine delle violenze sessuali nei conflitti’ a Londra, durante il quale ha invitato i principali distributori della pellicola che lei ha scelto di rappresentare: “Quando ho visto Difret ho pianto per i primi 20 minuti, ma poi ho sorriso, pensando che non vedevo l’ora che il mondo potesse vedere il film, straordinariamente bello. È una storia che dà speranza per il futuro dell’ Etiopia e per tutti gli altri Paesi dove ancora moltissime ragazze crescono senza la protezione della legge e mostra come la tenacia di persone coraggiose sia in grado di risvegliare la coscienza di una società. Tutti  dovrebbero vederlo perché questo film può provocare un cambiamento”. Toccata nel suo cuore di mamma, la super star ma anche donna impegnata in attività in difesa dei più deboli, si è commossa quando ha visto un’incredibile somiglianza fra la piccola protagonista del film e la figlia Zahara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com