Esami fantasma all’ università di Palermo. Coinvolto fratello Alfano

Sono 32 le persone indagate a Palermo per finti esami, registrati anche se non sono mai stati sostenuti.

Nel mirino degli inquirenti, è finito anche Alessandro Alfano, fratello del segretario del Pdl Angelino. Il fratello dell’ex guardasigilli è indagato per concorso in frode informatica. Alfano, che dall’anno scorso è segretario generale della Camera di Commercio di Trapani, si è laureato in Economia nel 2009, e oggi rischia di vedere ritirato l’attestato di studio.

Secondo i legali della difesa, sarebbe da escludere il coinvolgimento del loro assistito, dal momento che egli avrebbe sostenuto regolarmente tutti gli esami. Le indagini, portate avanti dalla sezione Pubblica amministrazione della Procura, sono scattate oltre un anno fa, e ipotizzano falso, frode informatica e corruzione. Il legale di Alessandro Alfano, Grazia Volo, del foro di Roma contattata telefonicamente ha spiegato che “il suo assistito avrà modo di chiarire tutto” e che “gli esami sono stati sostenuti regolarmente”.

A far scattare le indagini era stato il rettore dell’Ateneo palermitano Roberto Lagalla, il quale aveva denunciato le irregolarità, dopo la scoperta che una ragazza, prossima alla laurea, non possedeva gli attestati cartacei relativi al superamento degli esami.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com