Mozioni: M5s-Pd-Misto hanno 159 senatori. Centrodestra 136. Salvini parte sconfitto

In attesa del voto in aula fissato per le 18 di oggi iniziano a circolare i primi resoconti numerici sul fronte del sì e del no. Da quanto emerge Matteo Salvini sarebbe sconfitto in tutte e due le mozioni: la linea del capo della Lega sarebbe sconfitta sia sulla sfiducia al presidente del consiglio Giuseppe Conte che su quella presentata dal Pd che vuole la sua testa. Il M5s-Pd-Misto, che sono contrari alle urne, mobiliterebbero 159 senatori contro i 136 del Cdx. Quindi, come emerso dalla capigruppo di palazzo Madama, dovrebbe prima parlare il premier in Aula, forse il 20 agosto, e poi si prenderanno le decisioni del caso. Le elezioni anticipate chieste da Salvini con la mozione di sfiducia al presidente del consiglio svanirebbero.

Martedì, quindi, in Aula al voto sul calendario del Senato, potrebbero essere presenti e bocciare la linea Salvini 102 senatori M5s su 107, 45 dem su 51 e 12 senatori del Misto: in totale 159 parlamentari, contro i 136 voti potenziali di Lega, FI e FdI. Ma non è ancora tutto deciso e non si esclude che ci sia un travaso di voti da uno schieramento all’altro.

Il nuovo asse di M5s, Dem, Leu più altri del Misto, potrebbe, così, approvare il suo calendario e programmare l’informativa di Conte non prima della prossima settimana. Il che significherebbe nessun scioglimento delle Camere e voto ad ottobre e sconfitta ‘momentanea’ per Matteo Salvini. Ma l’ultima parola spetta sempre al presidente della repubblica Mattarella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com