Egitto: Nuovi cortei pro Morsi. Attentato nel Sinai: morti 25 poliziotti

L’Alleanza per il ripristino della legalità, che sostiene il deposto presidente egiziano Mohammed Morsi, ha convocato oggi nuove manifestazioni al Cairo e in altre città del Paese contro “il golpe dei militari”. Cortei sarebbero previsti anche a Giza, Maadi, Imbaba, a Helwan e Zeitun. Intanto si infiamma anche il fronte politico in Egitto. Dopo il messaggio del generale Abdel el Sissi, l’uomo forte dell’Egitto, a metà fra il monito e l’apertura ai Fratelli musulmani la coalizione pro-Morsi ha reagito chiedendo l’apertura di una inchiesta internazionale sui “crimini orribili commessi dal ministro dell’Interno, il generale Mohamed Ibrahim, e da quello della Difesa”, che è lo stesso al-Sissi.

Riunione Ambasciatori Ue. E’ in corso a Bruxelles la riunione straordinaria dedicata alla situazione in Egitto del comitato politico e di sicurezza dell’Ue. Gli ambasciatori dei 28 sono chiamati a fare il punto della situazione per trovare e coordinare posizioni e azioni comuni nei confronti del Cairo, con l’obiettivo di fermare le violenze e far riprendere il processo democratico. La riunione prepara il terreno per il summit dei ministri degli esteri che si svolgerà nei prossimi giorni.

Attacco alla polizia: 25 morti. Un attacco ‘terroristico’  contro le forze di sicurezza egiziane è avvenuto nel nord del Sinai. Secondo la Bbc, riportando fonti mediche e di sicurezza, 25 poliziotti sono rimasti uccisi in una esposione a Rafah. Nella zona sono frequenti ultimamente attacchi di fondamentalisti islamici alle truppe del Cairo. Si tratta dell’attacco più sanguinoso contro le forze dell’ordine egiziane da molti anni: gli assalitori, presunti membri di un gruppo estremista islamico, hanno attaccato il convoglio diretto a Rafah, al confine con al Striscia di Gaza. Secondo quanto riferisce il sito web della ‘Bbc’, citando fonti della sicurezza, due autobus della polizia egiziana sono finiti sotto attacco vicino alla città di Rafah, nei pressi del confine con la Striscia di Gaza. Nell’attacco un numero imprecisato di agenti é rimasto ferito. E dopo l’attentato l’Egitto ha richiuso il varco di Rafah, lungo la linea di demarcazione con la Striscia di Gaza palestinese controllata da Hamas.

Circa redazione

Riprova

Partygate: Cummings attacca Johnson

Non poteva mancare l’ombra di Dominic Cummings nel ‘Partygate’, l’ultimo scandalo che vede coinvolto Boris …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com