E. League. L’Inter agli ottavi: vince 2-1 contro il Ludogorets

Missione compiuta per l’Inter che si qualifica agli ottavi di finale di Europa League battendo 2-1 il Ludogorets in uno stadio ‘Meazza’ vuoto per l’emergenza Coranavirus. L’undici di Conte grazie al successo per 2-0 ottenuto in Bulgaria, giocano al piccolo trotto gestendo uomini ed energie in vista del derby d’Italia di domenica prossima. I nerazzurri non impressione per la qualità del gioco: è sembrata a tratti una buona partita di allenamento per sperimentare soluzioni tattiche da utilizzare in campionato. Resta ancora un rebus Eriksen che non riesce ancora a trovare il suo ruolo nell’undici titolare. Il vero mattatore della serata è Sanchez che crea scompiglio nella difesa ospite ed offre qualche bella giocata. Per il resto quasi noia se non fosse per il vantaggio del Ludogorets al 26’ del primo tempo con Cauly al primo tiro verso la porta nerazzurra subito ribaltato nel primo tempo con i gol di Biraghi al 31′ e Lukaku al 49′.

La prima occasione del match è proprio del gigante belga che al 5′ con un forte diagonale non riesce a superare Iliev. Poi ci prova al 22′ Sanchez con un destro a giro e ancora il portiere bulgaro che respinge. Ma sono gli ospiti ad andare in vantaggio al 26’ al primo tiro in porta con Cauly che prende il tempo a Godin e con un forte tiro insacca sotto la traversa. Passano cinque minuti e l’Inter pareggia: grande apertura di Eriksen sulla sinistra per l’accorrente Biraghi, che con il sinistro deviato da Terziev beffa il portiere sul primo palo. Al 39′ ci prova Barella da lontano, sulla sua conclusione molto angolata Iliev ci arriva con la punta delle dita mettendo in angolo.

Al quarto minuto di recupero l’Inter completa la rimonta con Lukaku. Gol fortunoso del belga, che colpisce una prima volta di testa in tuffo da due passi. Il portiere gli respinge il pallone nuovamente sulla testa e il numero 9 nerazzurro da terra insacca quasi senza rendersi conto. In avvio di ripresa, al 7′, sale in cattedra Sanchez con una gran botta da fuori area che si stampa sulla traversa. Al 14′ è invece il palo a fermare Lukaku: sul diagonale sinistro del belga, Iliev non è impeccabile nella sua deviazione ma, per sua fortuna, il palo lo salva.

Al 22′ occasione per il Ludogorets: ci prova dal limite Swirczok, Padelli risponde bene. E’ l’ultima azione degna di nota del match che non regala altri sussulti fino al triplice fischio finale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com