Due ristoratori calabresi in manette per sfruttamento della prostituzione

La squadra mobile di Catanzaro ha arrestato i fratelli Francesco e Massimo Falsetta, titolari di alcuni bed  breakfast. Per loro l’accusa è di induzione e sfruttamento della prostituzione, infatti avrebbero affittato prostitute e travestiti le camere di tre bed & breakfast per combattere la crisi economica che aveva colpito le altre loro aziende. Le indagini sono scattate in seguito alla denuncia di un transessuale che ha raccontato agli investigatori che i fratelli affittavano le camere a prostitute e travestiti ad un costo superiore ai 70 euro al giorno, mentre per gli altri clienti il prezzo era fissato tra i 30  e i 40 euro. A far scattare l’operazione anche una serie di intercettazioni ambientali e telefoniche che hanno confermato quanto denunciato.

Circa redazione

Riprova

Fatture false per non pagare tasse, sequestrati 1,7 mln beni

I finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria hanno eseguito il sequestro preventivo di somme …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com