Draghi boccia il Superbonus 110%: “Ha triplicato i costi”

Nell’intervento tenuto davanti al Parlamento europeo Mario Draghi non ha risparmiato critiche al provvedimento del Superbonus 110%. Parole che non sono piaciute al Movimento 5 Stelle, che ha definito “un attacco irricevibile” le parole del premier. “Il nostro è un governo ecologista, ma possiamo non essere d’accordo con il Superbonus 110%”, ha detto il presidente del Consiglio italiano a Strasburgo.

La critica di Draghi al Superbonus è arrivata nella fase di replica alle domande poste dai parlamentari europei. “Il costo di efficientamento è più che triplicato grazie al 110%, i prezzi degli investimenti necessari per attuare le ristrutturazioni sono più che triplicati perché il 110% di per sé toglie l’incentivo alla trattativa sul prezzo”, ha spiegato Mario Draghi.

Il problema del Superbonus per le ristrutturazioni edilizie, che prevede una detrazione del 110% sulle spese a patto di migliorare l’efficienza ecologica dell’edificio, secondo il premier italiano va dunque ricercato nei costi gonfiati.

“Il nostro ministro dell’Ambiente è stato straordinario – ha proseguito Draghi – ha fatto provvedimenti straordinari e le cose vanno avanti in Parlamento”.

Parole che hanno scatenato l’immediata reazione del Movimento 5 Stelle, che da sempre sostiene la bontà del provvedimento. “Che Mario Draghi non fosse d’accordo col Superbonus sinceramente lo avevamo già capito dai continui blocchi e dalle modifiche apportate alla misura nei mesi scorsi, che di fatto hanno rischiato di renderla inutilizzabile”, ha commentato il deputato del Movimento 5 Stelle Riccardo Fraccaro.

“Il Superbonus è espressione della volontà parlamentare di tutte le forze politiche, il suo giudizio personale negativo non può boicottare la misura”, ha aggiunto.

Dura la replica alle parole di Mario Draghi anche da parte dei senatori del Movimento 5 Stelle Gianni Girotto, Cristiano Anastasi, Marco Croatti, Gabriele Lanzi e Sergio Vaccaro.

“Ci lascia abbastanza perplessi l’irricevibile perentorietà con cui il premier Draghi si è scagliato contro il Superbonus al 110% – si legge nella nota dei senatori – È stata gettata una volta per tutte la maschera: forse alla base dei continui paletti normativi e della ossessiva smania dell’esecutivo di voler limitare la circolazione dei crediti fiscali, c’è proprio questa insofferenza del presidente del Consiglio nei confronti del provvedimento”.

Quello del Superbonus è stato solo uno dei temi affrontati da Mario Draghi nel corso dell’intervento tenuto al Parlamento europeo. Il premier ha parlato di Ucraina, pandemia, difesa comune europea e transizione energetica.

Circa Redazione

Riprova

Elezioni 2022, Meloni: ‘E’ il tempo della responsabilità. Governeremo per tutti gli italiani’

Giorgia Meloni stravince e fa volare Fdi con gli alleati interni indeboliti e la Lega di …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com