Donna muore a Palermo dopo aborto: denuncia del marito

La procura di Palermo ha aperto un’indagine sulla morte di una donna di 32 anni deceduta due settimane dopo un’interruzione di gravidanza a cui era stata sottoposta all’ospedale Cervello. L’inchiesta, coordinata dal pm Gianluca De Leo e ancora a carico di ignoti, è stata avviata dopo la denuncia presentata dal marito della paziente. I carabinieri hanno sequestrato oggi la cartella clinica e nelle prossime ore si deciderà la data dell’autopsia. Il decesso è avvenuto il 6 gennaio. La donna nei primi di dicembre era andata nel reparto di ginecologia del Cervello per un controllo di routine. Durante la visita i medici hanno accertato che il feto era morto e hanno sottoposto la paziente a un raschiamento e a una cura farmacologica. L’ultimo controllo in ospedale risale al 27 dicembre. Il 6 gennaio la giovane si è sentita male ed è morta nella sua abitazione. Secondo gli inquirenti parlare di mala sanità è ancora assolutamente prematuro. Il medico legale sta visionando la cartella clinica per capire se possa ipotizzarsi una responsabilità dei sanitari che, comunque, non sono ancora iscritti nel registro degli indagati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com