Disabili e assistenza socio-sanitaria, confronto tra istituzioni e cittadini

Roma. Nel pomeriggio a Palazzo Montecitorio si parlerà di LEA (Livelli Essenziali di Assistenza Socio-Sanitaria per le persone non autosufficienti) e del ruolo che può svolgere la partecipazione democratica dei Cittadini nei confronti delle Istituzioni. La Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati nel luglio scorso ha approvato all’unanimità una risoluzione che conferma l’esigibilità dei diritti previsti dalla normativa sui livelli essenziali di assistenza socio-sanitaria per le persone non autosufficienti e con gravi handicap invalidanti. L’iniziativa, nata dalla collaborazione tra la Presidenza della Camera e il Comitato Promotore della petizione popolare nazionale sui LEA, e la Risoluzione n. 8-00191, tenta di rispondere a un’emergenza che riguarda oltre un milione di italiani e i loro familiari, affetti da patologie croniche invalidanti e non autosufficienti, di cui la maggior parte è costituita da anziani e/o malati di Alzheimer (e altre forme di demenza). “La Risoluzione approvata – ricorda Maria Grazia Breda, prima firmataria della petizione popolare – sollecita il Governo a predisporre il piano per la non autosufficienza. Per quanto poi riguarda il diritto esigibile alla frequenza di Centri Diurni e al ricovero in strutture residenziali delle persone con handicap intellettivo grave, va sottolineato come siano aumentati i ricorsi all’autorità giudiziaria, con varie Sentenze che hanno ribadito l’illegittimità delle liste d’attesa e riconosciuto i danni, anche patrimoniali, agli utenti a cui ASL e Comuni avevano negato la prestazione”. Ad aprire i lavori – coordinati da Giuseppe Palumbo, presidente della XII Commissione Affari Sociali – sarà il presidente della Camera Gianfranco Fini. Interverranno inoltre il ministro della Salute Renato Balduzzi, il sottosegretario al Lavoro e alle Politiche Sociali Maria Cecilia Guerra, il deputato Mimmo Lucà, relatore della proposta e, a nome del Comitato Promotore della petizione, la stessa Maria Grazia Breda. 

 

Sabrina Iadarola

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com