Diritti tv Serie A e Lega: ‘Offerte troppo basse, nuovo bando’

Caos nella corsa per aggiudicarsi i diritti tv della serie A per il triennio 2018/21. L’assemblea della Lega ha deciso di procedere con un nuovo bando dopo il ritiro nella gara di Mediaset e Tim e le sole due offerte rimaste di Sky e Perform Group, di cui la seconda sotto la base d’asta. ‘Ritenendo che le offerte non rappresentino il valore reale del calcio italiano, con voto unanime l’assemblea della Lega Serie A ha deciso di non assegnare i diritti tv a nessuno dei concorrenti’, ha annunciato il commissario di Lega, Carlo Tavecchio, al termine della riunione a Milano. Tavecchio ha spiegato che si procederà con un nuovo bando in cui il valore di partenza sarà quello indicato in questo bando, ossia un miliardo di euro, e c’è tempo fino a novembre, dicembre sei mesi prima dell’inizio della prossima stagione.

Da Sky e Perform Group erano arrivate offerte per 4 dei 5 pacchetti all’asta per i diritti tv della Lega Serie A 2018-21, ma solo una superava il minimo richiesto. In particolare l’offerta del gruppo di Murdoch sarebbe stata di 440 milioni, 230 per il pacchetto sul satellite, 30 più del minimo richiesto e che riguarda 8 squadre come Juve, Napoli, Milan, Inter e 210 per il pacchetto D che riguarda le gare di 12 squadre. Perform Group, invece, secondo indiscrezioni avrebbe fatto un’offerta fra i 25 e i 50 milioni e quindi, sotto base d’asta.
La corsa per Mediaset si è fermata  con una nota della società in cui si annunciava in coerenza con l’esposto presentato all’autorità garante della concorrenza, al fine di ottenere una nuova formulazione del bando per l’assegnazione di diritti tv Serie A 2018- 2021, che il consiglio di amministrazione aveva deciso di non presentare alcuna offerta all’asta. ‘Al di là dei contenuti sportivi e dei valori economici attribuiti ai singoli pacchetti, ribadiamo che la formulazione dell’invito a presentare offerte è totalmente inaccettabile in quanto abbatte ogni reale concorrenza e penalizza gran parte dei tifosi italiani costretti ad aderire obbligatoriamente a un’unica offerta commerciale’, si è lamentata la società nella nota. In cui ha annunciato inoltre di riservarsi di ricorrere in tutte le sedi competenti.
Anche Tim come Mediaset non ha ugualmente presentato offerte. La società, spiegano fonti vicine, ha giudicato non interessanti i pacchetti predisposti per il digitale né’ dal punto di vista dell’offerta né da quello dei prezzi che sono valutati in 200 milioni.
A Milano, la Lega si e’ riunita con il il presidente Carlo Tavecchio ed i rappresentanti dei club, compresi quelli della neo promosse in serie A. La seduta e’ iniziativa circa tre ore dopo l’apertura delle buste che contenevano le offerte per i diritti Tv.

Noi abbiamo fatto la nostra parte. E’ questo il senso della nota di Sky. ‘Ci siamo attenuti alle regole stabilite dalla Lega e dall’Antitrust e oggi abbiamo partecipato regolarmente all’asta dei diritti tv con un’offerta vicina al mezzo miliardo di euro, con tutti i pacchetti opzionali’,  spiega Sky in un a nota. Se  anche gli altri operatori già esistenti sul mercato avessero effettuato offerte anche solo pari alla base minima d’asta, la Lega Calcio si sarebbe trovata a disporre del target economico tanto auspicato’, ossia un miliardo di euro.

L’esito del primo bando scatena la rabbia del proprietario della Sampdoria Massimo Ferrero. ‘Il prodotto calcio vale molto, ma davvero molto di più’, dice, e individua la soluzione per uscire dallo stallo: ‘Le società di A sono tutte allineate, adesso valuteremo se procedere con il canale della Lega che al momento ci sembra la soluzione più rispondente alla situazione di mercato dei broadcaster’. Quindi una stoccata a Sky: ‘Chi troppo vuole, nulla stringe. Non devono dimenticare che grazie al calcio guadagnano circa 3 miliardi di euro…’.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com