Decreto Ilva-Taranto: ok della Camera per la conversione in legge

L’on. Michele Pelillo, vicepresidente della Commissione finanze della Camera dei Deputati, afferma, in merito al decreto Ilva-Taranto: “Il decreto Ilva-Taranto, n.1 del 5 gennaio 2015, risponde ad una serie di problematiche urgenti, di natura ambientale, industriale, sociale, sanitaria ed economica. Accogliamo questo provvedimento con ragionevole fiducia: il presidente Renzi e il suo governo accettano fino in fondo la sfida, ci mettono la faccia, per vincere la scommessa che, se vinta, può diventare una conquista emblematica: porre in equilibrio il diritto al lavoro e il diritto alla salute nella fabbrica più grande d’Italia, che è anche il centro siderurgico più grande d’Europa”. L’Ilva e Taranto, dopo cinquant’anni di disattenzioni e colpevoli omissioni, sono da tre anni stabilmente nell’agenda nazionale; ma il decreto che abbiamo oggi convertito in legge segna un cambio di passo. Avremmo potuto scegliere, infatti, la strada più facile: abbandonare la fabbrica, l’emergenza ambientale e i lavoratori al loro destino; abbiamo scelto, invece, la strada più difficile, quella del risanamento. Il nostro obiettivo è riconciliare la produzione con l’ambiente e la salute, i lavoratori con i cittadini”. In meno di tre anni, la questione Ilva è approdata per la settima volta in Parlamento: un percorso legislativo la cui lunghezza e difficoltà sono in parte giustificate dalla complessità della vicenda, della quale il governo e il Parlamento si sono fatti carico. Un iter che neanche oggi si può ritenere concluso, anche se questo passaggio è accreditato da più parti come quello decisivo per orientare la questione nella direzione più giusta. Questo provvedimento potrà indicare la strada per perseguire gli obiettivi indicati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com