Ddl stabilità: i punti prinicipali

Sarà approvato entro il week end il ddl Stabilità. Il maxiemendamento, infatti verrà portato nell’ aula del Senato venerdì mattina, ed il voto finale si avrà a partire dalle 10.30. Tuttavia, la decisione ufficiale, verrà presa dalla Camera, ufficialmente nel pomeriggio di sabato 12 novembre. E’ quanto stabilito, in seguito alla conferenza dei capigruppo, tenutasi ieri a Palazzo Madama.

Il ministro dell’Economia. Giulio Tremonti, ha inoltre depositato in commissione Bilancio del Senato il testo del maxiemendamento al disegno di legge di stabilità, corredato di relazione tecnica. Il ministro è poi rimasto in commissione per illustrare il testo ai senatori.
Anche Napolitano, ha già visionato il testo del ddl Stabilità , che, stando a quanto riferito dal senatore dell’ Idv, Elio Lannutti, ha dato via libera alle norme.

Ecco alcune delle misure previste dal maxiemendamento:

Aumento dell’ età pensionabile e nuove norme sul lavoro:
il maxi-emendamento sancisce che a partire dal 2026 si andrà in pensione di vecchiaia a 67 anni.
Arriva la mobilità per il settore del pubblico impiego. I dipendenti potranno essere posti in disponibilità con una indennità pari all’80% dello stipendio fino a 24 mesi.
Confermato il pacchetto lavoro che include gli sgravi contributivi sui contratti di apprendistato, le agevolazioni per il part time e il telelavoro, gli sgravi Irap sui contratti di
produttività

Nuove misure regolamenteranno le infrastrutture:

in arrivo defiscalizzazioni su Irap e Iva per la costruzione di nuove autostrade. Viene previsto il carcere per chi «si introduce abusivamente» o «ostacola l’accesso» alle persone autorizzate nei cantieri della Tav della Torino-Lione (arresto da tre mesi a un anno e ammenda).
Dal primo gennaio 2012, Anas spa trasferisce a Fintecna «tutte le partecipazioni detenute anche in società regionali», al valore netto contabile risultante al momento della cessione. Nuove risorse per i porti

Dimissioni immobili pubblici:
dimissione degli immobili pubblici attraverso il conferimento degli stessi a uno o più fondi comuni di investimento immobiliari e a una o più società, le cui quote o azioni saranno poi
oggetto di offerta pubblica di vendita. I proventi netti derivanti dalle cessioni delle quote o delle
azioni sono destinati alla
riduzione del debito pubblico. Il corrispettivo potrà essere versato anche in titoli di Stato. Prevista infine l’alienazione dei terreni agricoli (a trattativa privata se il valore è inferiore a 400mila euro)

Semplificazioni burocratiche: 
Estensione delle zone a burocrazia zero a tutto il territorio nazionale. La disciplina si applica fino al 31 dicembre il 2013 in via sperimentale. Tra le altre misure di semplificazione confermate nel maxi-emendamento i divieti a Pa e concessionari di richiedere certificati a cittadini e imprese di cui già si possiedono i dati necessari. Stop anche all’introduzione di nuove procedure amministrative con le leggi di recepimento delle direttive europee

Liberalizzazioni ordini professionali
Arriva la liberalizzazione degli ordini professionali con l’eliminazione delle tariffe minime dei professionisti. Via libera alle società tra professionisti.
Si punta anche ad accelerare il processo di liberalizzazione dei servizi pubblici locali. Se gli enti locali non procederanno alla deregulation, il Governo potrà esercitare un potere sostitutivo. Il testo interviene sulla manovra di agosto che già imponeva a Comuni ed enti locali di procedere all’affidamento con gare dei servizi pubblici

Nuove misure sulla Giustizia:
Oltre a incentivare l’impiego della posta elettronica certificata e ad aumentare il contributo unificato del 50% nei giudizi di appello del 100% nei giudizi in Cassazione, il maxi-emendamento alla voce giustizia prova a ridurre il contenzioso accumulato. I processi pendenti davanti alla Cassazione o alla Corte d’appello da più di due anni rispetto all’entrata in vigore della legge sviluppo del 2009, potranno proseguire solo su istanza di parte

Circa redazione

Riprova

Sos Ast: trasporto urbano a rischio in 14 grossi Comuni siciliani, fra i quali Caltagirone

Trasporto urbano a rischio in 14 grossi centri siciliani, fra i quali c’è Caltagirone. L’Ast, …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com