Crollo del ponte Morandi nel ‘giorno del ricordo’

‘Credo che oggi non freghi nulla a nessuno che non ci sia un Commissario per la ricostruzione. Non è il giorno delle polemiche, è il giorno del ricordo. Bisogna ricostruire’,  ha detto il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, a margine delle celebrazioni di commemorazione del crollo del Ponte Morandi a Genova avvenuto un mese fa. Il riferimento è al decreto legge per Genova che non contiene la nomina del commissario per la ricostruzione.

È una giornata particolare per Genova. Tra poco ci sarà il minuto di silenzio e poi in Piazza de Ferrari la commemorazione delle vittime. È la piazza delle grandi adunanze e da lì la città dirá che non sarà un ponte a piegarla. La città ha voglia di rialzarsi.

Bisogna fare le cose in fretta e non in modo ingarbugliato. Sono certo che il governo ascolterà le nostre richieste. Le istituzioni locali hanno fatto un lavoro straordinario e ogni cittadino ha agito con dignità.

Bisogna ricostruire il ponte e qualsiasi cosa lo ritardi sarà il nostro nemico peggiore. Vogliamo giustizia per le vittime. La procura sta facendo un lavoro straordinario e le aule di giustizia ci diranno chi sono i colpevoli e perché è accaduto ciò.

La politica non deve sovrapporsi alla giustizia. La politica deve pensare al bene del paese. Ognuno faccia il suo lavoro e chiunque voglia darci una mano in questo senso è ben accetto, ha concluso Toti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com