Crisi Siria. Trump invia lettera a Erdogan: “Non fare lo spaccone”. Il Sultano la cestina

“Non fare lo sciocco. Non essere stupido. Ti chiamo più tardi”. Sono queste le parole finali della lettera che lo scorso 9 ottobre Donald Trump ha inviato a Recep Tayyp Erdogan e nella quale, come spiegato dal presidente americano nel corso della conferenza stampa congiunta con quello italiano, Sergio Mattarella,  non è stato dato il via libera all’offensiva turca in Siria. Nella lettera il presidente americano cita una lettera “confidenziale” a lui inviata dal generale Mazloum, capo militare delle Forze democratiche siriane, in cui quest’ultimo si dice “disponibile a negoziare e a fare concessioni che non avrebbero mai fatto in passato.

“Lavoriamo a un buon accordo! Tu non vuoi essere responsabile dell’assassinio di migliaia di persone – Trump – io non voglio essere responsabile della distruzione dell’economia turca. Te ne ho dato un piccolo esempio con quanto accaduto con il pastore Brunson”.  Nella lettera Trump ricorda a Erdogan di aver lavorato duro per risolvere alcuni dei suoi problemi. “La Storia – conclude il presidente americano – ti giudicherà positivamente se farai le cose in un modo che è gusto e umano. Ti considererà come il diavolo se qualcosa di buono non accadrà”.

La lettera che la Casa Bianca afferma di aver inviato a Erdogan porta una data di tre giorni successiva alla telefonata tra Trump ed  Erdogan. Fu in riferimento a quel colloquio telefonico, avvenuto il 6 novembre, che Ankara fece capire di avere il via libera americano all’offensiva, e dava quel giorno in poi furono ripetuti i tweet con cui Trump sottolineava la necessità del ritiro americano.

La Casa Bianca ha confermato l’esistenza della lettera e il suo contenuto. Lo ha fatto con il corrispondente del New York Times, Katie Rogers, e con Msnbc, la cui presentatrice, riferendone, ha affermato. “È talmente bizzarra che abbiamo verificato con la casa Bianca se è vera. E lo è”. Da quanto si apprende sembrerebbe che il presidente della Turchia lettera la missiva del numero uno della Casa Bianca l’avrebbe cestinata, forse per le frasi bizzarre in essa contenuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com