Costringe la figlia a prostituirsi, 59enne finisce in manette

Si sono aperte stamane le porte del carcere per un 59enne di origini rom. L’uomo, padre di famiglia residente in provincia di Teramo, è stato arrestato dai carabinieri locali con il sospettato di aver fatto prostituire la figlia tredicenne.  Ad eseguire l’arresto, sono stati gli uomini della benemerita del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Teramo che hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale dell’Aquila, Romano Gargarella, mentre la madre 37enne è stata sottoposta all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. La squallida vicenda sarebbe avvenuta tra settembre e novembre dello scorso anno. L’accusa è di sfruttamento aggravato della prostituzione minorile ai danni della propria figlia. Nella vergognosa storia sono coinvolte, diverse persone la cui posizione è tuttora al vaglio della magistratura. La ragazzina viveva in un contesto familiare degradato e veniva fatta prostituire anche per pochi euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com