Corte Costituzionale tedesca, il Quantitative Easing è legale in Germania

La Corte Costituzionale tedesca definisce legale anche in Germania il Quantitative Easing. Si tratta del piano di acquisti ideato e varato dalla Bce in epoca Mario Draghi.

Senza eccessivi slanci di entusiasmo, la Corte Costituzionale tedesca si allinea alla decisione della Corte di Giustizia europea e stabilisce che il Quantitative Easing non viola il divieto di finanziamento monetario. La Corte costituzionale non risparmia in realtà critiche al governo e al parlamento tedesco. I giudici evidenziano come il piano di acquisti non sia stato esaminato dal Parlamento. In tal senso il Pspp sarebbe da considerarsi almeno parzialmente incostituzionale. Nonostante ciò i giudici hanno dato il semaforo verde  al Quantitative Easing salvando in qualche modo i mercati, a rischio tracollo in caso di verdetto negativo.

 Se la Corte costituzionale tedesca avesse espresso parere contrario definendo il piano anticostituzionale, quindi illegale in Germania, il Paese sarebbe uscito dal programma straordinario varato dalla Bce dopo la crisi economica del 2008. Il caso legale in Germania è nato per la spinta degli ortodossi del mondo dell’economia, secondo cui la Bce dovrebbe limitarsi a regolare l’inflazione. Le eccedenze d’azione dovrebbero essere considerate sostanzialmente illegittime. Questo per generalizzare e semplificare una visione dell’economia decisamente più complessa e con basi anche solide.

Circa Redazione

Riprova

Cashback di Natale: quando sarà necessario lo SPID

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto 156 del 24 novembre 2020 del Ministero dell’Economia e delle …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com