Coronavirus, la Francia si ferma ma 48 milioni di elettori sono chiamati alle urne

Si vota in Francia da questa mattina per le elezioni amministrative. Elezioni in tutta la Francia Si tratta del primo turno delle elezioni municipali: sono 48 milioni i cittadini chiamati a votare per rinnovare i propri sindaci, tra cui il primo cittadino di Parigi, e i consiglieri comunali.

ALe urne sono aperte nonostante l’emergenza del coronavirus. Dalla mezzanotte, infatti, sono chiusi negozi, bar e ristoranti e tutti i servizi considerati “non essenziali” per cercare di contenere il contagio che è raddoppiato in tre giorni. I funzionari hanno insistito sul fatto che il voto si svolgerà nelle condizioni igieniche più strette, malgrado la diffusa paura che i seggi elettorali siano luoghi ideali per la diffusione del virus e di un rischio particolare per le persone anziane.

Il presidente Emmanuel Macron, per il quale le elezioni a due turni rappresentano un cruciale test a medio termine, ha insistito sul fatto che il voto delle amministrative sia importante per assicurare la continuità democratica nel paese.

 Ovviamente non mancano le polemiche. In queste ore dilaga l’hastag #jeniraipasvoter (non andrò a votare) . Nel frattempo, il ministero dell’Interno ha comunicato che il primo raffronto parziale dell’affluenza con le elezioni del 2014 segna un ribasso di cinque punti percentuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com