Coronavirus, indagine agenzia Dire su app Immuni: 1 su 10 non “può” scaricarla

Fairphone 2, Galaxy S3 e S4, Huaweii di ultima generazione senza sistema operativo Google, Iphone 6 e giu’, fino ad arrivare ai modelli piu’ obsoleti. Questi dispositivi rappresentano una delle criticita’ dell’app da tracciamento Covid-19, disponibile da lunedi’ 15 giugno in tutta Italia. Tra quanti hanno detto ‘No’ a Immuni, infatti, un individuo su 10 lo ha fatto per semplice impossibilita’, “perche’ ha riscontrato problemi a scaricare l’app, legati al sistema operativo o al modello di smartphone”. E’ quanto emerge dal questionario targato ‘Dire’ che raccoglie la voce di oltre 300 persone per indagare le scelte individuali nel download di Immuni. Da una fotografia generale l’Italia sembra spaccata a meta’: il 56% dei partecipanti, infatti, risponde di aver scaricato Immuni contro il 44% che non l’ha fatto.

Di questi ultimi, piu’ del 25% risponde di non averla scaricata in quanto “non si fida delle istituzioni” e altrettanti perche’ “non la ritengono utile” (28%). Due intervistati ammettono poi di non averlo fatto “per semplice negligenza” (1,4%). Gli indicatori che trainano il download sono utilita’ e senso civico, tanto che 2 persone su 5 ammettono di aver scelto l’app “per senso civico” (38%) e altrettante perche’ “la ritengono utile” (42%). Mentre piu’ di uno su 10 procede con il download per paura “di contagiare o essere contagiato” (14%) nuovamente. Dall’altro lato invece, tra quanti hanno optato per un’estate senza Immuni, il 22% approfondisce le ragioni dietro le proprie decisioni e argomenta: “La gestione di dati personali con finalita’ sanitarie, in un clima di emergenza gestito finora in modo frammentario e disordinato- puntualizza un utente- non mi persuade della bonta’ e della sicurezza dell’operazione”. C’e’ chi poi risponde di non averla scaricata perche’ “troppo complicata da installare”, e chi semplicemente, con un briciolo di pessimismo, “aspetta il ritorno del virus in autunno”. Ma i dubbi e le perplessita’ non si esauriscono qui: “Non mi e’ chiaro-commenta un intervistato- cosa mi accadrebbe se avessi avuto contatto con una persona positiva. Ho paura di essere confinato in quarantena per due settimane, senza aver poi la possibilita’ di fare il tampone”. C’e’ chi dice che non la scarica “per pigrizia”, chi la bolla come “inutile e dannosa”, e anche chi svela la propria sindrome della capanna: “Da quando c’e’ il virus sono quasi sempre a casa”. E ancora, qualcuno la critica e la definisce “un veicolo impreciso di esposizione a conseguenze indesiderate, anche per chi non ha nessun problema”. Dalla Sardegna poi un intervistato affonda il coltello nella piaga: “Ho paura di sapere se la contraggo. Qui non ci sono veri conteggi”. Cosi’, mentre si tirano le prime somme dell’unico veicolo esistente in Italia per il tracciamento dei casi Covid, tra le tante voci che hanno solo “dimenticato di scaricarla”, c’e’ anche chi si lascia andare a commenti coloriti: “Immuni? Tre mesi di galera sono bastati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com