Coronavirus, il 48 per cento delle sale cinematografiche chiuse: incassi in picchiata

Il Coronavirus ‘contagia’ il cinema. L’emergenza Covid-19 ha messo in ginocchio anche questo sistema con quasi una sala su due che è chiusa per il rischio di contagio. “Una stima – fa sapere il presidente dell’Anec, Mario Lorini – ai microfoni dell’Agi – per difetto contempla circa 850 strutture per un totale di circa 1830 schermi. Rispettivamente tra il 45% e il 48% del totale nazionale. Si prevede, inoltre, il rinvio di quasi tutta la totale dei film in uscita prossimo weekend“.

 La chiusura delle sale ha portato anche un crollo delle cifre per quanto riguarda il cinema. “Il weekend – ha sempre detto Lorini all’Agi – lascia sul terreno il 44% degli incassi rispetto al fine settimana precedente, il 30% sull’analogo weekend 2019. Gli incassi dipendono da diversi fattori, ma il crollo causato dall’emergenza è evidente. Nella giornata di domenica, per esempio, si sono persi più di 600mila euro rispetto al giorno precedente e oltre 1,5 milioni rispetto alla settimana prima e al 2019“. Una crisi che potrebbe aumentare nelle prossime settimane: “Il momento era positivo per questo settore ma la spirale virtuosa si è improvvisamente interrotta”.

 L’emergenza Coronavirus, dunque, ha contagiato anche il cinema con molti registi che hanno annunciato il rinvio dell’uscita dei propri film. Da Carlo Verdone a Elio Germano passando anche per Lucky Red, diverse le pellicole che dovevano sbarcare nelle sale da giovedì 27 febbraio ma tutti gli appassionati dovranno aspettare qualche settimana per poter assistere a questi nuovi lavori. Restano in dubbio anche i film di metà marzo ma molto dipenderà dall’evoluzione del Coronavirus. La situazione continua ad essere incerta e per questo le decisioni saranno prese nei prossimi giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com