CoronaVirus, FCA deve bloccare la produzione in Serbia

FCA ha deciso di interrompere la produzione all’interno dello stabilimento in Serbia, il problema è che a causa del CoronaVirus sono rallentati i ‘viaggi’ della merce proveniente dalla Cina e quindi c’è carenza di componenti.

Le forniture infatti sono lente, alcune fonti confermano lo stop temporaneo della produzione a Kragujevac, dove viene assemblata la Fiat 500L. Mancano infatti prevalentemente i sistemi audio e altre parti elettroniche che FCA importa dalla Cina. Settimana scorsa il Gruppo italo-americano aveva già parlato di una possibile chiusura in uno stabilimento europeo, oggi sappiamo che si tratta di quello serbo.

Il leader della Fim-Cisl Marco Bentivogli ha dichiarato: “Arriva la conferma, dal Giornale di Belgrado Danas, che si va verso la fermata dello stabilimento serbo di FCA che produce la 500L a causa del blocco dei trasporti con la Cina a causa del CoronaVirus. Se dovesse protrarsi tale situazione vi saranno ripercussioni anche in Italia”.

Lo stabilimento di Kragujevac è stato chiuso giovedì e potrebbe restare chiuso fino a martedì e oltre, mancano infatti importanti componenti che devono arrivare dalla Cina e senza le quali la produzione non può andare avanti. Oltre alle componenti per l’impianto audio oggi mancano anche i paraurti in plastica. Mike Manley, CEO del gruppo presieduto da John Elkann, domenica aveva ipotizzato (in un’intervista rilasciata al Financial Times) l’arresto di uno stabilimento del gruppo in Europa, senza dire in quale Paese. Cresce la paura che questi rallentamenti possano influenzare negativamente la produzione di tutti i più noti modelli di auto di FCA.

Un portavoce di FCA ha tranquillizzato il mercato dichiarando nelle scorse ore: “Stiamo lavorando per garantire l’approvvigionamento dei componenti e la produzione verrà riavviata nel corso di questo mese. Non prevediamo che questo cambiamento nella pianificazione avrà un impatto sulla produzione totale prevista per il mese”.

L’industria che realizza molte componenti per FCA si trova proprio nella provincia cinese di Wuhan, epicentro dell’epidemia di Corona Virus. L’azienda è specializzata nella produzione di componentistica meccanica ed elettronica per il settore automotive o delle macchine utensili. Volkswagen è una delle Case auto tra le più dipendenti dai prodotti cinesi, invece FCA e i suoi partner francesi di Peugeot sono agli ultimi posti come dipendenza dai fornitori cinesi. Il polo industriale di Shanghai che rifornisce Volkswagen e Tesla ha ricominciato l‘attività l’11 febbraio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com