Coronavirus: contagio rallenta in Cina, corre nel resto del mondo

Il contagio da nuovo Coronavirus comincia a essere sempre meno un problema cinese e sempre più un problema mondiale. Questo perchè il ritmo delle nuove infezioni in Repubblica popolare è in rallentamento, mentre è in crescita molto forte in altri paesi del mondo tra i quali la Corea del Sud – dove i casi hanno ormai superato quota mille – e l’Italia. La Commissione sanitaria nazionale cinese ha detto che ieri ci sono stati 52 nuovi decessi, tutti nella provincia di Hubei che è l’epicentro dell’infezione, e 508 nuovi casi. Lunedì i contagi erano stati 102 in più e i morti in tutto 71. Ma il fatto più rilevante è che i nuovi contagi al di fuori della provincia di Hubei, che ha come capoluogo Wuhan, sono stati solo cinque.

Ora Perchino sta cominciando a concentrare la sua strategia di contenimento del virus sull’estero: il rischio è di reimportare il Coronavirus dall’estero. Ieri 94 passeggeri di un volo dell’Asiana Airlines da Seoul a Nanchino sono stati messi in quarantena, dopo che tre cittadini cinesi a bordo sono stati trovati con la febbre. Questo rallentamento avviene, però, mentre fuori dalla Cina l’emergenza diventa più acuta. In Corea del Sud il numero di contagi ha raggiunto 1.146 stamani, con 169 contagi registrati. Solo una settimana fa Seoul sosteneva di avere solo 51 contagiati. In tutto i morti in Corea del Sud sono stati 12.

Uno dei focolai più acuti è risultato essere il movimento religioso cristiano Shincheonji Church of Jesus, all’interno della quale si è verificata un’esplosione di contagi. L’autorità ha deciso di effettuare una serie di test a tappeto tra gli adepti che sono principalmente nella zona di Daegu, dove sono stati allestiti diversi posti letto ospedalieri in più.

In Europa, invece, il focolaio appare essere l’Italia, che ha lamentato 11 morti e 325 contagiati al momento. Oltre all’Italia i casi sono in crescita in tutto il continente e si creano ogni giorno nuovi focolai. L’altra parte del mondo in cui il Coronavirus sta provocando paura è il Medio Oriente. L’Iran ha registrato 16 morti ed è il paese, a dare ascolto ai dati ufficiali, con il tasso di decessi più elevato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com