Continuano con successo le esibizioni al Jazz Village, all’interno del Sicilia Jazz Festival

Continuano con successo le esibizioni al Jazz Village, all’interno del Sicilia Jazz Festival nella sua second edizione, lungo le vie del centro storico di Palermo. Ricco il cartellone anche della giornata di giovedì 30 giugno, con concerti in contemporanea dalle 18.00 al Complesso Monumentale Santa Maria dello Spasimo, Real Teatro Santa Cecilia e Steri. Protagonisti assoluti dell’evento, all’interno del Festival, i giovani musicisti dei Conservatori e gli artisti jazz residenti nel territorio siciliano. Il Jazz Village si protrarrà sino a martedì 5 luglio. Una peculiarità del Sicilia Jazz Festival, manifestazione organizzata dall’Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo con il supporto del Comune di Palermo, l’Università di Palermo, i Conservatori di Musica del territorio regionale e la Fondazione The Brass Group, ente a partecipazione pubblica (legge 1 febbraio 2006, n. 5), è quella di dare ampio spazio ai giovani talenti, agli studenti che con dedizione e professionalità studiano la musica jazz e hanno così l’opportunità di esibirsi, insieme ai propri Maestri, nelle orchestre e negli ensembles dei propri istituti. Così il Sicilia Jazz Festival ha coinvolto i Conservatori “Alessandro Scarlatti” di Palermo, “Arcangelo Corelli” di Messina, “Antonio Scontrino” di Trapani, il Conservatorio “Arturo Toscanini” di Ribera e l’istitutito superiore di studi di musica “Vincenzo Bellini” di Catania. Il Village coinvolge una vasta area del centro storico di Palermo che circonda il Complesso Monumentale di Santa Maria dello Spasimo, il Real Teatro Santa Cecilia, unico teatro pubblico storico che esiste al mondo destinato al Jazz, entrambe sedi della Orchestra Jazz Siciliana – The Brass Group e Palazzo Branciforte Steri, sede dell’Università cittadina. Inoltre, il Sicilia Jazz Festival crede molto alle figure artistiche ed ai musicisti residenti, tant’è che vi saranno diversi concerti di artisti del territorio siciliano. Tra le vie el centro storico la Marching Jazz Street Band. Info programma completo www.siciliajazzfestival@live.it, info biglietteria www.bluetickets.it.

Di seguito il programma completo del Jazz Village del 30 giugno

Teatro Santa Cecilia

ore 18:00 Conservatorio di Musica A. Scarlatti di Palermo con Giuseppe Lana Trio in Jazz Standards

Peppe Lana cantautore siciliano, classe 1990. A 7 anni inizia a suonare il pianoforte. Poco più tardi, scopre anche la chitarra e la fisarmonica. Ascoltatore vorace, le sue influenze spaziano dal folk al blues, dal jazz alla tradizione cantautorale italiana. Dalla necessità di esprimersi in prima persona nascono gli “Aristocrasti”, con cui compone, arrangia e pubblica il primo album di inediti “Per la Strada” uscito nel febbraio 2017. Nel 2018, dall’incontro con il chitarrista argentino Sebastian Torres, nasce il gruppo di musica tradizionale sudamericana “Pacha Kama”.Nel 2019 si iscrive al Corso di Pianoforte Jazz del conservatorio di Palermo e intraprende la carriera cantautorale solistica. Nell’agosto del 2019 viene chiamato ad aprire con 5 brani inediti il concerto di Arisa a Nicosia (Enna). Nell’agosto 2021 apre il concerto di Vinicio Capossela a Piazza Armerina (ME).

ore 20:00 Conservatorio di Musica A. Scarlatti di Palermo Giuseppe Vasapolli Trio Invites Alex Faraci

Un trio jazz giovane e di tutto rispetto quello del Maestro Giuseppe Vasapolli Nato nel 1981, siciliano di origine, si divide oggi tra Palermo e Los Angeles, città in cui opera come compositore per cinema e tv. Il trio propone un repertorio di standard tratti dal songbook americano e composizioni originali con chiari riferimenti stilistici legati agli storici “Piano Trio” di Bud Powell, Oscar Peterson e del contemporaneo Benny Green. Special guest Alex Faraci.

ore 22:00 Conservatorio di Musica Arturo Toscanini con Toscanini Jazz Quartet

Ancora un altro concerto per i lConservatorio di Musica Arturo Toscanini di Ribera che mette in scena il Toscanini Jazz Quartet con i docenti Valerio Rizzo al pianoforte, Giacomo Tantillo allla tromba, Davide Inguaggiato al contrabasso e Paolo Vicari alla batteria. Viene proposto uno spettacolo unico nel suo genere con musica con tonalità sonore che spaziano lungo gli standard jazz e con groove sonori tipici del genere musicale.

Complesso Monumentale Santa Maria dello Spasimo

ore 18:30 Conservatorio di Musica Arturo Toscanini con Toscanini Jazz Quintet

Componenti: Sax: Alessandro Scibetta Voice: Maria Concetta Maggio Drums: Giuseppe Oliveri Piano: Marco Cervello Electric bass: Giorgio Di Benedetto Il “Toscanini jazz quintet” presenta un repertorio che spazia da brani di Wayne Shorter a Mongo Santamaria, Horace Silver, Burt Bachara e composizioni inedite. Gli arrangiamenti presentano sonorità e sfumature latin jazz e Afro-Cuban con lo scopo di creare particolari intrecci vocali e pulsazioni ritmiche, che lascino spazio alla creatività e all’istinto primordiale della musica.

ore 20:30 Conservatorio di Musica A. Scarlatti di Palermo Naam Quartet

Viene proposto uno spettacolo unico nel suo genere con musica con tonalità sonore che spaziano lungo gli standard jazz e con groove sonori tipici del genere musicale.

ore 22:30 Osvaldo Lo Iacono Trio Guitar on cello

Osvaldo Lo Iacono, chitarrista siciliano, si forma da autodidatta sui dischi di Hendrix, Beck, Clapton, Albert Collins che il padre custodisce con passione, ma poi scopre Miles Davis e fonde le sue principali influenze in uno stile personale intriso di blues, jazz, funk e rock.

Seguito per il suo percorso solistico (Osvaldo Lo Iacono trio) e per le innumerevoli masterclass che ha tenuto in giro per l’Italia nelle più importanti strutture didattiche, ha anche “prestato le sue corde” a numerosi nomi della musica pop e Jazz, collaborando come sideman con Amii Stewart, Antonella Ruggiero, Mario Biondi (sua la chitarra sul singolo Paradise), Orchestra Jazz Siciliana Brass Group, Billy Cobham, Fabrizio Bosso, Fabio Concato, Mauro Ermanno Giovanardi, Deborah Iurato (vincitrice di Amici), Mariella Nava, Fiordaliso

Circa Redazione

Riprova

Tartaglia Arte: alla Valle dei Templi di Agrigento un Giardino Sensoriale visitabile con olfatto, tatto e gusto

Coinvolgerà tutti e cinque i sensi – vista, olfatto, tatto, gusto e udito – il …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com