Beppe Grillo (C) with prime minister Giuseppe Conte (L) and Luigi Di Maio (R), minister of Foreign Affairs, during the presentation of the 2019 Blue Book at the Customs and Monopolies Agency, Rome, Italy, 11 September 2020. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Conte e Grillo molto distanti sul due per mille al Movimento

Beppe Grillo e Giuseppe Conte, nelle linee politiche del   Movimento restano sempre molto distanti parlando due lingue completamente diverse.

L’ultimo strappo tra il fondatore dei 5 Stelle e i vertici pentastellati è sul portale del garante del Movimento e c’è in ballo la spinosissima questione del due per mille sulle quale si trovano Conte da un lato e Grillo dall’altro. Inoltre, i vertici del Movimento accarezzano l’idea di un maggiore coinvolgimento del fondatore che richiamerebbe a se la vecchia base grillina. Inoltre Grillo potrebbe comunicare dal suo blog.

Ma il blog di Beppe Grillo,  con  8 persone all’attivo,  una volta attivata la ‘partnership‘ – andrebbero retribuite, anche con le risorse del Movimento, dunque dei gruppi parlamentari. Un impegno di centinaia di migliaia di euro.

Da qui nasce la trattativa  tra Grillo e i vertici pentastellati. Il gruppo di Palazzo Madama era pronto ad accollarsi le spese  ma che sarebbe stato il garante del Movimento a fare un passo indietro, forse per le vicende del figlio Ciro.

Stipulando il contratto con un gruppo parlamentare i contenuti del blog di Grillo sarebbero stati vincolati al racconto delle attività di deputati o senatori, realtà forse non gradita al garante.

“L’ipotesi che Grillo possa accettare finanziamenti dalla politica, anche se da parte di un gruppo parlamentare pentastellato, mi sembra francamente peregrina – preconizza l’avvocato Lorenzo Borrè che conosce benissimo il mondo grillino e altrettanto bene lo stesso Grillo. – Ovviamente – avverte il legale di gran parte degli espulsi dal Movimento – non parlo per Grillo né mi arrogo la potestà di interpretarne il pensiero, ma il rifiuto di finanziamenti che provengono, in prima istanza, da casse pubbliche, è la sottile, invalicabile linea rossa. E marca evidentemente le differenze. Anche se al momento Grillo non ha fatto ricorso al potere di richiedere il rinnovo della votazione assembleare per sottoporre alla scelta di un più ampio quorum la decisione di abbracciare il principio che in politica i soldi servono“.

Da non dimenticare  che il simbolo del Movimento appartiene a lui, realtà che invita tutti a non tirare troppo la corda,

Circa Redazione

Riprova

Cosa fa davvero il Presidente della Repubblica e che poteri ha

Il Presidente della Repubblica, nel sistema politico dell’Italia, è il capo dello Stato e rappresenta l’unità nazionale. …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com