Conte bis, perché al Senato potrebbe non avere i numeri

 Ci si interroga se il governo Conte bis avrà i numeri al Senato per far partire il suo nuovo governo. La domanda nasce dalle dichiarazione del giovane vicesegretario della Lega Andrea Crippa.

Per il vicesegretario della Lega Andrea Crippa ci sarebbero alcuni (almeno 9) senatori del M5S che sarebbero pronti a non votare la fiducia a Palazzo Madama.

Come riporta l’Adnkronos il vicesegretario della Lega spiega come si tratta di “eletti del Movimento, provenienti dal Sud ma anche dal Nord e centro Italia, Puglia, gente che non è stata al governo gialloverde, senatori che chiedono di avere una candidatura per un seggio con la Lega alle prossime elezioni”.

Crippa spiega che la Lega “non chiude le porte a nessuno”, avvertendo che quelli che ha sentito hanno fatto capire che ci sarebbero altri pronti a seguirli”.

Sicuro il voto contrario del senatore dei 5 stelle Gianluigi Paragone annunciato già da giorni che oggi voterà no sulla piattaforma Rousseau.

La nuova maggioranza M5S-PD sulla Carta dovrebbe contare su 167 voti favorevoli ma nel caso ci fossero i voti contrari dei nove senatori pentastellati, la maggioranza si fermerebbe a 158 voti sotto quota 161 necessaria per la fiducia.

Da giorni si calcola che il governo Conte bis avrebbe la maggioranza con 167 voti ma si sussurra che una parte di Forza Italia pur non votando la fiducia si preparerebbe ad appoggiare il nuovo governo.

Voci smentite dal vicecapogruppo dei senatori Lucio Malan che ha replicato “ Forza Italia è compattamente contraria al governo M5S-PD ed la Senato il nostro gruppo voterà no perchè non ci sono trame né pattuglie né gruppetti”.

Ovviamente c’è da considerare la posizione in merito che prenderà Silvio Berlusconi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com