Consiglio dei ministri convocato d’urgenza per “comunicazioni di Draghi”

Secondo quanto riferito dal ‘Corriere della Sera’, il Consiglio dei ministri è durato appena 10 minuti. Mario Draghi ha ottenuto l’ok dai componenti del governo a mettere la fiducia sul ddl concorrenza. Il voto in Senato è previsto entro la fine del mese di maggio.

Il ‘Corriere della Sera’ ha rivelato anche alcuni retroscena sul Consiglio dei ministri convocato all’ultimo minuto da Draghi: i 200 miliardi del Pnrr sarebbero a rischio e il presidente del Consiglio è descritto come “stufo delle ripicche e degli strattonamenti delle forze politiche”.

Nel mirino del presidente del Consiglio Mario Draghi, che oggi ha risposto alle domande dei senatori sulla guerra in Ucraina, non ci sarebbe Giuseppe Conte, bensì Matteo Salvini.

Il leader della Lega, lunedì, uscendo da Palazzo Chigi dopo il faccia a faccia con il presidente, aveva detto “troveremo un accordo” sui balneari. Il provvedimento, che doveva vedere il primo voto prima di Pasqua, è però ancora bloccato nella commissione Industria del Senato.

La goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso sarebbe stato il comunicato congiunto con cui i capigruppo di Lega e Forza Italia, Massimiliano Romeo e Anna Maria Bernini, hanno chiesto “ulteriori approfondimenti sul tema delle concessioni balneari per arrivare a un testo condivisibile e quindi condiviso”.

Secondo quanto scrive ancora il ‘Corriere della Sera’, se i partiti non dovessero ritrovare il senso di responsabilità, potrebbe aprirsi il tempo della crisi di governo.

Nella giornata di mercoledì, l’ex presidente del Consiglio e attuale leader del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte, alla luce dell’elezione di Stefania Craxi alla presidenza della Commissione esteri del Senato, aveva inviato un messaggio al premier Mario Draghi.

Queste le parole di Giuseppe Conte: “Ieri avevamo avvertito il presidente del Consiglio e il governo, perché ieri si è capito che si stava lavorando in modo surrettizio a violare patti regole e accordi. Quindi è stato avvertito il presidente del Consiglio e spetta innanzitutto a lui prendere atto della responsabilità di tenere in piedi questa maggioranza”.

Circa Redazione

Riprova

Sicilia, Attacco hacker al comune di Palermo, Csa-Cisal: “Rubati i dati dei lavoratori, pronte le richieste di risarcimento danni”

“I dati sensibili di migliaia di dipendenti del comune di Palermo sono finiti sul dark …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com