Consegna del Ventaglio al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

La cerimonia del ventaglio è il rito di consegna di un ventaglio  decorato al Presidente della Repubblica Italiana e ai Presidenti della Camera dei deputati e del Senato, tradizionale omaggio da parte dell’Associazione stampa parlamentare  (ASP), che si tiene annualmente tra la fine di luglio e i primi giorni di agosto, presso Palazzo del Quirinale, Palazzo Montecitorio e Palazzo Madama, in vista della chiusura dei lavori parlamentari per la pausa estiva.

Il ventaglio viene consegnato dal presidente dell’ASP; alla cerimonia partecipano il Direttivo, gli iscritti all’associazione e varie personalità del giornalismo, nonché alte cariche del  Governo italiano ed esponenti del Parlamento. L’occasione è colta principalmente per fare un bilancio sull’anno di attività politica e parlamentare, per consegnare i premi giornalistici istituiti dall’ASP nonché per scambiarsi auguri di buone ferie.

E’ un ventaglio interamente realizzato con la carta dei quotidiani quello che è stato consegnato nel corso della cerimonia del Ventaglio al Quirinale al capo dello Stato Sergio Mattarella. Un ventaglio progettato, realizzato e consegnato al presidente della Repubblica da Marianna Degli Esposti, studentessa di 20 anni di Casalecchio di Reno (Bologna), che frequenta il primo anno di Decorazione arte e ambiente nell’Accademia di Belle arti di Bologna. Emozionatissima racconta che il ventaglio è dedicato all’Europa. E la carta è il tessuto connettivo.

Marianna Degli Esposti,   ha voluto sottolineare Mattarella,  ha disegnato l’Europa come legata da un tessuto connettivo inestricabile, insuscettibile di separazione, e indicando la stampa come elemento portante di questa connessione. È una raffigurazione efficace; e aderente alla realtà. La libera stampa è uno dei elementi che contrassegnano l’Europa e costituisce un suo grande contributo alla civiltà del mondo. Voi accompagnate, narrate, analizzate, criticate le vicende della vita politica e istituzionale e, in questo modo, contribuite alla sua qualità e al suo buon livello.

La libertà di informazione e i diritti che vi sono collegati – e il sostegno, funzionale ad assicurarla in concreto – alimentano il circuito democratico. La libera stampa è uno dei elementi che contrassegnano l’Europa e costituisce un suo grande contributo alla civiltà del mondo.  Voi accompagnate, narrate, analizzate, criticate le vicende della vita politica e istituzionale e, in questo modo, contribuite alla sua qualità e al suo buon livello. Una vita politica e istituzionale che fosse priva di questa condizione sarebbe inevitabilmente distorta, e a rischio di involuzioni. L’abbondanza informativa, offerta dal web, è preziosa ma occorre evitare che, con essa, si riduca il livello dell’approfondimento e la capacità di stimolare riflessioni. Insomma, evitare che ne derivi una forma di povertà critica o di rifiuto del confronto con le altrui opinioni. Questo è il compito di quella che chiamiamo libera stampa, che ricomprende, ovviamente, anche l’informazione radio, tv e digitale.

‘Mi ha colpito un fatto di cronaca. L’Italia non può somigliare a un far west dove un tale compra un fucile e spara dal balcone ferendo una bambina di un anno, rovinandone la salute e il futuro. Questa è barbarie e deve suscitare indignazione’, dice il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nel corso della cerimonia del Ventaglio al Quirinale: ‘L’Italia non diventerà, non può diventare preda di quel che con grande efficacia descrive Manzoni nei Promessi sposi a proposito degli untori della peste: ‘il buonsenso c’era ma stava nascosto per paura del senso comune’. La Repubblica vive dell’esercizio della responsabilità di ciascun cittadino. 

 Sessantacinque milioni di profughi nel mondo danno la misura di un fenomeno epocale. Tante volte l’Italia ha chiesto all’Ue responsabilità e leggiamo finalmente segnali positivi da parte di diversi Paesi dell’Unione. Passo dopo passo serve un piano di interventi dell’Unione per governare il fenomeno e non subirlo. L’Ue deve esprimere con vigore il suo ruolo su tutti i fronti aperti. Viviamo un periodo di instabilità: o gli europei ritrovano le ragioni del rilancio dell’Unione o è prevedibile il declino del Continente.

‘A me compete ricordare, a ciascuno, il rispetto del principio di concorrere all’ordinato funzionamento degli organi istituzionali. Le finalità sono tracciate, con chiarezza, nel testo della Costituzione e verso di esse devono convergere le pubbliche amministrazioni, nell’imparzialità della loro funzione, diretta a servizio di tutti i cittadini’, dice  Mattarella parlando di ruoli pubblici nei giorni in cui il dibattito è centrato sulle nomine: ‘Le finalità sono tracciate, con chiarezza, nel testo della Costituzione e verso di esse devono convergere le pubbliche amministrazioni, nell’imparzialità della loro funzione, diretta a servizio di tutti i cittadini.  Il limite dell’intervento dello Stato è indicato, limpidamente, laddove è pienamente riconosciuto, alla società civile, di esprimersi in tutte le forme organizzate della vita economica e sociale, senza interferenze da parte delle autorità pubbliche tese a influenzarne l’attività’.

La reputazione di un Paese ordinato, bene amministrato, coeso è un bene comune, collettivo. Indisponibile. Sottratto a interessi di parte perché costruito, nel tempo, con il contributo del nostro popolo. E’ patrimonio di storia, di cultura, di valori che disegna il ruolo dell’Italia nella comunità internazionale. Ovunque si vada, si registra un gran desiderio di collaborazione e di interlocuzione stretta e concreta con l’Italia. Tutto ciò che intacca questo patrimonio ferisce l’intera comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com