Confederation Cup: l’Italia potrebbe ritrovarsi di fronte alle furie rosse

Confederation Cup. Otto squadre partecipanti, le sei che primeggiano nelle  competizioni di confederazione, la vincitrice del campionato mondiale e la squadra ospitante. In Brasile, paese che organizza la competizione, si fronteggiano la locale formazione, la Spagna che detiene il campionato mondiale, Italia, Giappone, Haiti, Messico, Uruguay e Nigeria. La formazione azzurra non ha mai vinto, in due partecipazioni ha raggranellato, si fa per dire, una esclusione al primo turno ed una semifinale. Nella competizione in corso, dopo due vittorie, la compagine allenata da Cesare Prandelli ha già raggiunto la semifinale e la gara con il Brasile deciderà, gli azzurri per una peggiore differenza reti hanno solo un risultato su tre, la posizione del proprio girone. In caso di pareggio o sconfitta la nostra nazionale dovrebbe, il condizionale è solo per obbligo, affrontare la Spagna che forte del dieci a zero contro la rappresentativa di Haiti ha in pugno la leadership del girone B. Alle furie rosse che hanno un +11 all’attivo in termini di realizzazioni basta un pareggio contro la Nigeria che è a quota tre punti in classifica. All’Uruguay, invece, basterà vincere contro Haiti per guadagnare la seconda posizione e sfidare la prima dell’altro girone che uscirà fuori dalla gara tra Italia e Brasile. Insomma il rischio per gli azzurri di ritrovarsi di fronte, ancora una volta, la Spagna è quasi una certezza.

Michele Pisani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com