Condannato per ‘ndrangheta ottiene fondi pubblici: sequestro

I carabinieri per la Tutela Agroalimentare hanno eseguito un sequestro preventivo, emesso dalla Procura di Reggio Calabria, per illeciti percepimenti di contributi comunitari e nazionali previsti a sostegno del comparto agricolo. In particolare un uomo, definitivamente condannato per gravi delitti di criminalità organizzata, indicato come appartenente alla ‘ndrina “Gallico-Morgante-Sciglitano”, operante principalmente sul versante tirrenico della provincia di Reggio Calabria, è riuscito ad ottenere nel periodo 2010-2017 contributi pubblici per centinaia di migliaia di euro erogati dalla Regione Calabria (Agenzia per le erogazioni in agricoltura).

Le indagini hanno svelato che l’uomo, già privo dei requisiti soggettivi per ottenere pubblici sussidi in quanto gravato da misura di prevenzione antimafia, avvalendosi della complicità di altre persone, tra cui alcuni incaricati di pubblico servizio, ha richiesto e percepito denaro dal “Programma Sviluppo Rurale” regionale e dal “Fondo Europeo Agricolo di Garanzia” anche nel periodo in cui si trovata detenuto in carcere. Le successive indagini patrimoniali hanno consentito di individuare e sequestrare conti correnti bancari e postali, titoli di pagamento “P.A.C.” e terreni agricoli riconducibili agli indagati, per un valore complessivo di 200.000 euro circa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com