‘Concerto di Natale’, di Mario Catalano a Napoli

Il Maestro Mario Catalano terrà il 18 dicembre prossimo alle ore 19,  alla Basilica di San Giovanni Maggior e di Napoli il ‘Concerto di Natale’. Alla serata parteciperanno Nora Palladino e  Delia Catalano che interpreteranno alcune delle indimenticabili canzoni classiche napoletane mentre Antonio Giorgio e Raffaele Mancini leggeranno alcune poesie di E.A.Mario. Il concerto di Mario Catalano inizia con ‘momenti’ d’ispirazione e di meditazione che affondano nel significato iniziatico dei generi musicali del secolo scorso. Di Gershwin, modello di cantanti e compositori quali Sinatra, la Fitzgerald, Cole Porter, un’ affascinante sintesi dell’ opera che spazia dal blues al jazz a una innovativa classicità musicale, passando da Rhapsody in Blue (1924), applaudita alla sua prima esecuzione da Rachmaninov e da Strawisky, a Porgy and Bess (1935) a Un americano a Parigi (1951), tuttora fonti d’ispirazione di compositori e musicisti. Negli altri ‘momenti’ di sosta nella propria interiorità d’artista, Mario Catalano indugia in Giochi dove l’acqua, radice ed emozione della vita, apprende dalle note i suoi diversi suoni esprimendo sempre più intimi e misteriosi significati. Seguono le canzoni sui temi dell’ispirazione del Poeta e compositore E. A. Mario, nonno materno del maestro: Canzona appassiunata; Io, na chitarra e ‘a luna. Santa Lucia Luntana, Tammurriata nera, seguite da due splendide canzoni, rispettivamente di Di Giacomo-Buongiovanni e di Russo-Di Capua. Quasi come a una colonna sonora della seconda metà del secolo, il maestro Catalano si riferisce alla gloriosa scuola genovese di quegli anni con l’Omaggio a Umberto Bindi, il musicista che con De Andrè, Tenco, Paoli, Lauzi segnò l’irripetibile stagione che vide la musica cosiddetta leggera ampliare i propri orizzonti inscrivendosi a pieno diritto in una classicità del tutto contemporanea, ma non meno rappresentativa di un costume e di un’epoca e modello dalla lunghissima eco. Due poesie di E. A. Mario, ‘E ddoje felicità’ dedicata dal nonno al neonato Mario Catalano e ‘Voce ‘e dicembre’, scritta in un lontano Natale, saranno lette rispettivamente da Antonio Giorgio e da Raffaele Mancini. Chiuderà il concerto una canzone di E. A. Mario eseguita da Delia Catalano e Nora Palladino, ‘O cunto ‘e Natale, che s’inserisce in perfetta sintonia in questo luogo e in questi giorni che precedono le festività natalizie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com