Comunali e Calenda: ‘Voterò Gualtieri, mi corrisponde di più’

‘Ho promesso agli elettori della mia lista civica che non avrei fatto accordi. Io non chiedo né un accordo, né un apparentamento, né un posto’. Per rispetto a loro, per coerenza e onore. Vi ponete il problema sbagliato: quello che voto io è irrilevante”, dice il leader di Azione Carlo Calenda in un video su twitter. “Gualtieri dà per scontato il mio appoggio, Sgarbi che devo fare l’assessore di Michetti…Il problema è come riconquistate quei 220mila voti, che non sono valigie che si spostano. Li conquistate se parlate dei temi che sono nel nostro programma. L’auspicio è che i 5s non metteranno più piede nel governo della città.  I Cinque stelle hanno lasciato un disastro epocale – continua Calenda – non sposterò io questi voti, li sposterete solo voi immaginando una politica diversa’, aggiunge il leader di Azione, elencando alcuni punti del suo programma, dalla strategia per le municipalizzate alla necessità di impianti per i rifiuti. 

“Il segnale che arriva” dal voto “e che io coltiverò a livello nazionale è una politica che si fonda sui programmi, su competenza, trasparenza, su un modo di fare politica dignitoso nel senso romano del termine: alto, corretto e giusto”, prosegue Calenda che si appella affinché ci sia “una politica basata sulle cose, non dove è la destra, dove la sinistra”, peraltro “un confine che spostate a vostro piacimento. Ieri ero di destra, oggi fa comodo e sono di nuovo di sinistra, domani chi lo sa. Parlate delle cose!”, il suo appello. .

Calenda precisa: “Sono vicino a Gualtieri, Michetti è un impreparato prestato alla politica”. Quindi, riguardo ad un possibile appoggio al candidato dem Roberto Gualtieri, aggiunge: “Dipende dai temi”.  E intanto racconta: “Dal Pd non mi ha chiamato nessuno. Né Letta né Gualtieri. Michetti mi cercherà? Chissà…”. E a La7, ospite di Lilli Gruber a Otto e Mezzo, dice: “Io non farò né alleanze né apparentamenti. Ma faremo un’opposizione costruttiva. Penso sia giusto andare a votare al ballottaggio e come tale sicuramente non voterò Michetti ma voterò Gualtieri, perché mi corrisponde di più”.

Circa Redazione

Riprova

Quirinale, si spera in Mattarella in prorogatio

Il 3 febbraio è vicino e il rebus Draghi-Mattarella rende la realtà Quirinale fermo al …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com