Come leggere il codice sulle uova

 

Il codice delle uova

In tutte quelle in commercio, è applicato un codice sulle uova. In molti non fanno caso ai numeri che appaiono sull’etichetta delle uova, ma rappresentano un’informazione importante che permette di avere indicazioni su freschezza e qualità del prodotto. Questo codice definisce la classificazione delle uova che tiene conto di una serie di fattori, tra cui:

 

allevamento,

categoria,

dimensioni,

tracciabilità.

Sull’etichetta delle uova è riportata la taglia dell’uovo, mentre sul guscio è presente una sigla che indica il tipo di allevamento e altri codici per la tracciabilità. Informazioni utili ad esempio se compriamo uova biologiche e vogliamo essere sicuri della provenienza.

 

Etichetta delle uova: come leggerla

Sull’etichetta delle uova si trova una lettera che indica la classificazione della taglia. Le sigle sono XL (assegnata alle uova grandissime), L (assegnata alle uova grandi con peso minimo di 63 grammi), M (le uova di taglia media) e S (le uova più piccole con peso inferiore di 53 grammi).

 

Direttamente sul guscio, si trovano invece i codici delle uova 0 1 2 3 che identificano il tipo di allevamento:

 

0 indica che l’uovo proviene da allevamento biologico, il più naturale

1 indica che l’uovo proviene da galline allevate all’aperto

2 indica che l’uovo proviene da un allevamento a terra

3 indica che l’uovo proviene da allevamento in gabbia, il più intensivo.

Dopo questo numero, segue la sigla che indica la nazione di provenienza, per l’Italia è IT. Dopo la sigla si trova il codice ISTAT del Comune di ubicazione dell’allevamento, quindi la provincia dell’allevamento e in chiusura il codice identificativo dell’allevatore.

 

Come capire la freschezza delle uova

La legislazione europea divide le uova in diverse categorie di qualità. Da queste lettere riportate sull’etichetta delle uova, è possibile capirne il livello di freschezza. Le categorie sono:

 

categoria A o “uova fresche”, sono uova fresche, che possono essere consumate (quante volte a settimana?) anche senza lavarle

categoria B o “uova di seconda qualità o conservate”, quelle cioè che non sono destinate alla grande distribuzione, ma alle industrie di trasformazione o a quelle non alimentari

categoria C o “uova declassate destinate all’industria alimentare” o ai discount, dove fare la spesa per risparmiare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com