Circo Moira Orfei a Napoli: 250 anni di attività

Natale e Capodanno all’insegna del divertimento. Nuovo spettacolo in esclusiva per Napoli

 

Napoli. 250 anni ma non mi dimostra: anniversario importante per il Circo Tradizionale di Moira Orfei che arriva a Napoli, città dove questo spettacolo è ampiamente preferito e seguito, per le festività natalizie. 

 

Le carovane circensi sosteranno nell’ampio spazio del “Pareo Park”, nei pressi dell’uscita della tangenziale di Licola. Le tende saranno montate in città il 20 dicembre e il circo vi rimarrà fino al 27 gennaio. 

 

Gia lo scorso anno il pubblico partenopeo ha affollato il tendone più famoso d’Europa, tributando un grande successo alla nota coppia del circo, Brigitta Boccoli e suo marito, il domatore tenebroso Stefano Orfei. Stavolta Brigitta non sarà però presente in pista, ma rimarrà dietro le quinte nelle vesti di produttrice: ha infatti selezionato, assieme allo staff dirigenziale, i migliori numeri internazionali possibili, componendo un cast di assoluto spessore che presenterà uno spettacolo ancora più coinvolgente. La tappa napoletana fornirà l’occasione per presentare il nuovo show con clown, tigri, cammelli e caroselli equestri, trapezisti. 

 

“Abbiamo organizzato uno spettacolo indimenticabile per i 250 anni del Circo! Eh sì, perché quest’anno il circo tradizionale festeggia un quarto di millennio – spiega Brigitta – La prima rappresentazione del circo, così come lo conosciamo oggi, avvenne a Londra nel 1768.  Per il mondo dello spettacolo è un vero privilegio poter celebrare l’arte della pista del tempo e nel tempo. Il circo è un patrimonio culturale che ci unisce tutti per un grande momento di spettacolo puro”.

 

Il Circo di Moira Orfei, particolarmente amato dagli italiani, ha presentato da sempre spettacoli di altissimo livello, scandendo alcune tappe importanti nella storia del circo italiano. Dalla grande attrazione dei primi anni ‘70, al colossale Circo sul Ghiaccio (con due piste, una ghiacciata ed una tradizionale); dallo spettacolo di rivista con Alighiero Noschese, alla scelta di coinvolgere artisti  sovietici negli anni ‘80, fino alla produzione attuale, che concentra lo spettacolo su ritmo, eleganza e organicità, contemporaneo e connotato da una magica atmosfera.

Teresa Lucianelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com