Cipro, voci su prelievo forzosi e conseguenti code davanti alle banche

In fondo c’era da aspettarselo. Ultimo atto o quasi di un finale con risvolti non ancora  del tutto chiari. Non è bastato il comunicato del ministero delle finanze a tranquillizzare coloro che hanno deciso di mettersi in coda davanti alle banche. La voce, smentita, di un prelievo forzoso sui depositi superiori ai 100.000 euro non è bastato a rasserenare gli animi degli abitanti dell’isola. Eppure il messaggio parrebbe chiaro: “Questa eventualità non esiste, neppure a livello di bozza”, ha ripetuto il ministero, invitando la popolazione “a non dare credito a voci infondate, che hanno l’unico obiettivo di danneggiare il sistema finanziario cipriota”. Inoltre c’è stata anche una precisazione a proposito del protocollo di accordo negoziato con la troika non comprende alcuna misura supplementare che implichi l’attivazione di altri prelievi forzosi sui depositi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com