Cina, violentata e uccisa in un car sharing, la società si scusa

Il colosso cinese del car sharing Didi Chuxing si è scusato per una serie di omissioni che hanno portato allo stupro e all’omicidio di una cliente del servizio la scorsa settimana, il secondo delitto di questo tipo quest’anno. La società è finita sotto accusa, anche da parte del ministero dei Trasporti di Pechino, per le omissioni sulla sicurezza dopo che una passeggera ventenne è stata violentata e uccisa dal suo autista venerdì nella città orientale di Wenzhou. Un episodio analogo era accaduto a maggio. Il fondatore Cheng Wei e il presidente Jean Liu si sono scusati per le loro “ignoranza e orgoglio” in un comunicato emotivo, promettendo un ripensamento del servizio per garantire la sicurezza dei clienti. “In tutta l’azienda cominciamo a chiederci se stiamo facendo la cosa giusta; o addirittura se abbiamo i valori giusti” si legge nella nota. “Ci sono molti dubbi, un grande senso di colpa e ci stiamo interrogando”. La società in precedenza aveva assunto la colpa per non essere intervenuta su una lamentela relativa allo stesso guidatore da parte di un’altra passeggera, che aveva riferito che l’aveva condotta in un luogo isolato e l’aveva seguita in auto quando aveva lasciato il veicolo. In risposta alle violente critiche esplose dopo l’omicidio, Didi ha annunciato la sospensione del servizio Hitch, che raggruppa i pendolari che viaggiano verso la stessa destinazione.

A maggio una hostess aerea di 21 anni che usava il servizio Hitch è stata violentata e uccisa dal suo guidatore. Nel 2016, una 24enne che usava lo stesso servizio è stata rapinata e uccisa. L’ultimo delitto da giorni ha grande risalto sui media cinesi. Il ministero dei Trasporti ha censurato Didi, chiedendo al gruppo di migliorare le procedure di valutazione e di addestramento dei guidatori. Inoltre le autorità locali di tre città cinesi hanno ordinato alla società di rivedere le procedure di sicurezza, ha riferito Xinhua. Didi Chuxing, che ha allontanato dal mercato cinese nel 2016 Uber a seguito di una dura guerra commerciale, ha 30 milioni di guidatori e 550 milioni di utenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com