Cina: sale a 1.380 il bilancio delle vittime, 63.851 i contagiati

Sale a 1.380 il numero dei decessi da infezione da coronavirus in Cina, e il numero totale delle infezioni e’ aumentato a 63.851. 121 nuovi decessi e 5.090 nuovi casi confermati di infezione sono stati segnalati il 13 febbraio dalla Commissione nazionale sanitaria cinese. La provincia di Hubei, focolaio dell’epidemia, ha riferito 4.823 nuovi casi di polmonite da coronavirus (compresi 3.095 casi diagnosticati clinicamente) il 13 febbraio, con 116 nuovi decessi e 690 casi di guarigione. Il numero totale delle infezioni nella provincia e’ salito a 51.986. La commissione sanitaria ha aggiunto che 10.204 pazienti sono rimasti in gravi condizioni e 10.109 persone sono state sospettate di essere infettate dal virus.

Alla fine di giovedi’, 53 casi confermati, incluso un decesso, erano stati segnalati nella Regione amministrativa speciale di Hong Kong, dieci casi confermati a Macao e 18 a Taiwan. Un paziente ad Hong Kong, tre a Macao e uno a Taiwan sono stati dimessi dall’ospedale dopo il recupero. Oltre dieci pazienti in gravi condizioni sono apparentemente migliorati dopo l’assunzione di prodotti a base di anticorpi contenenti plasma sanguigno donati da pazienti guariti. La procedura appare ad oggi il modo piu’ efficace per trattare l’infezione da Covid-19, in quanto non esiste ancora alcun farmaco o vaccino efficace.

La Commissione nazionale sanitaria cinese ha inoltre segnalato che il rilevamento del nuovo coronavirus vivo dalle feci di un paziente non suggerisce che il metodo principale di trasmissione del virus sia cambiato, attraverso i canali respiratori e di contatto. L’infezione da coronavirus provoca piu’ danni al cuore rispetto alla Sars e causa malattie cardiache piu’ rapidamente rispetto ad essa, secondo il direttore dell’ospedale Jinyintan, il principale luogo designato per il trattamento dei pazienti con Covid-19. Huanggang, una citta’ vicina all’epicentro Wuhan, ieri ha bloccato tutte le comunita’ residenziali per contenere l’epidemia. La polizia di Hong Kong ha arrestato 12 persone che avrebbero finto di vendere mascherine online, una frode da oltre 128mila dollari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com