Napoli è febbre da Champions, in 70mila al S. Paolo

Alla vigilia del big match che potrebbe cambiare le sorti della storia partenopea, in cui il Napoli ospiterà i Chelsea, ai piedi del Vesuvio, mister Mazzarri opta per i titolarissimi, potendo usufruire dell’ organico al completo, ad eccezione di Edu Vargas. Questa sera in campo anche gli spagnoli del Real Madrid che saranno ospiti del CSKA Mosca.

 

Mancano ormai poche ore all’inizio del big match di quest’oggi . I partenopei  scenderanno infatti in campo questa sera, alle ore 20.45, per sfidare i londinesi del Chelsea. Ormai a Napoli e provincia è un vero e proprio conto alla rovescia in attesa della supersfida di Champions League con il Chelsea. A Villa Literno, in provincia di Caserta, sono stati addirittura rimandati gli storici festeggiamenti del carnevale proprio in occasione della grande sfida.  Intanto Drogba fa sapere di temere gli azzurri. “Da piccolo ammirava il Napoli di Diego Armando Maradona, ora arriva al San Paolo per aiutare il Chelsea ad uscire dalla crisi”. Così Didier Drogba alla vigilia della sfida degli ottavi di finale di Champions League contro il Napoli di Walter Mazzarri. “È una partita importante anche per la situazione difficile delle ultime settimane”, ammette l’attaccante ivoriano in conferenza stampa, “ma abbiamo sempre trovato le forze per cambiare la situazione, perciò dovremo fare una grande partita e cercare di portare a casa il risultato”, aggiunge. Una squadra, quella allenata dal portoghese Villas Boas, in piena crisi e secondo molti la gara con gli 11 di Mazzarri potrebbe rappresentare uno spartiacque per la stagione dello Special Two. Un Napoli letteralmente rinato lo scorso venerdì, quando ha superato la Fiorentina con facilità, mostrando la brillantezza di inizio stagione. In vista del match di domani sera pochi problemi per l’allenatore Walter Mazzarri. All’appello ha risposto anche Campagnaro, dando a Mazzarri la sua totale disponibilità a scendere in campo. Toccherà dunque al tecnico scegliere tra il difensore argentino e Grava, che sono in ballottaggio per l’ultima maglia da titolare non ancora assegnata. Zuniga dovrebbe averla infatti spuntata su Dossena sulla sinistra, mentre a metà campo ritorna dal primo minuto la coppia ideale: Gargano- Inler. Ma la notizia che conta di più è un’altra: il Napoli si presenta alla sfida dell’anno nelle migliori condizioni possibili, con l’intero organico (tranne Vargas) in ottima forma e il morale alto dopo le due vittorie in campionato con Chievo e Fiorentina. Spazio quindi ad un classico 3-4-2-1, con Morgan De Sanctis fra i pali, retroguardia a tre formata da capitan Cannavaro, Salvatore Aronica e da Grava, quest’ultimo in ballottaggio con l’incerto Campagnaro. A centrocampo ci sarà Maggio sulla fascia destra e Zuniga preferito a Dossena sulla sinistra. Al centro, spazio al classico duo Walter Gargano-Gokhan Inler. Infine l’attacco con il trio delle meraviglie, i Tenori Marek Hamsik, Ezequiel Lavezzi ed Edinson Cavani, assoluti protagonisti nella gara con la Fioentina. In panchina si accomoderanno Rosati, Fernandez, Britos, Dzemaili, Dossena, Pandev, Lucarelli. Diversi dilemmi invece in casa londinese. In dubbio la presenza della bandiera John Terry, quasi sicuramente indisponibile, mentre Ashley Cole sembra vicino al pieno recupero. Probabile lo schieramento da parte di Villas Boas di un 4-3-3 con Petr Cech in porta, Ivanovic sulla fascia destra, con Ashley Cole sulla sinistra, mentre al centro, al posto di Terry, ci sarà il neo-acquisto Gary Cahill affiancato da David Luiz. A centrocampo partiranno sicuramente dal primo minuto Frank Lampard e Ramires mentre il portoghese Meireles si giocherà la maglia con il ghanese Essien. Infine in attacco spazio al tridente Juan Mata, Sturridge e Didier Drogba. Dovrebbe partire dalla panchina infine Fernando Torres reduce da due prestazioni decisamente incolore contro l’Everton prima e il Birmingham poi. In panca si siederanno, oltre al campione del mondo spagnolo, anche Hilario, Bosingwa, Mikel, Essien, Malouda e Kalou. Ci sono dunque tutti i presupposti per sognare una notte magica, al San Paolo . La partita d’andata contro il Chelsea, con in palio la qualificazione per i quarti di finale della Champions, non poteva probabilmente capitare in un momento migliore. Storica l’occasione che si presenta alla squadra azzurra, trascinata dai 55 mila tifosi di Fuorigrotta verso un obiettivo mai raggiunto finora, nemmeno ai tempi di Maradona. Ventidue anni fa l’avventura di Diego e compagni in Coppa dei Campioni si fermò negli ottavi, a Mosca. Un traguardo da superare. È invece già stato spazzato via il vecchio record d’incasso: quello di stasera sfiorerà i 3,5 milioni. Per il manager De Laurentiis è un trionfo.

Queste le probabili formazioni:

Napoli (3-4-2-1): De Sanctis; Grava (Campagnaro), Cannavaro, Aronica; Maggio, Gargano, Inler, Dossena; Hamsik, Lavezzi; Cavani.

CHelsea (4-3-3): Cech; Ivanovic, Cahill, Terry (David Luiz), Cole; Ramires, Lampard, Meireles; Mata, Drogba, Sturridge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com