Champions League. Kloop è campione d’Europa: il Liverpool vola con Salah e Orgi

Il Liverpool è il nuovo campione d’Europa. Il derby inglese per aggiudicarsi la coppa dalle grandi orecchie va ai Reeds che battono per 2-0 il Tottenham al Wanda Metropolitano di Madrid. Il Liverpool, con la vittoria di questa sera, sale ufficialmente sul podio della storia della Champions League. I  Reds con 6 successi restano dietro solo a Real Madrid e Milan. E’ anche la prima volta per Jurgen Klopp e la consacrazione nell’olimpo dei campioni per Salah.

La partita non è stata bella, non era quella che tutti si aspettavano per la finale di Champions. La paura di perdere è stata tanta: troppi errori individuali e giocate sotto tono ad un ritmo a tratti noioso. Sicuramente non degno di una finale. Così ha vinto la quadra che ha sbaglia meno grazie due lampi: un gol a freddo ad inizio partita ed uno allo scadere per chiudere il match. Poi sostanzialmente solo noia. Il risultato finale era forse scontato, pronosticato. Alla fine ha vinto chi ha avuto meno paura di vincere. E Klopp per una volta ha badato al sodo, al risultato finale e non al gioco spumeggiante. Così dopo aver perso la Premier si rifà con il trofeo più importante per l’Europa calcistica.

La partita è segnata fin dall’inizio. Non passano nemmeno trenta secondi dal fischio d’inizio che l’arbitro assegna un rigore per il Liverpool. Un tocco di mano ‘grossolano’ di Sissoko sul cross di Mané spinge l’arbitro Skomina ad indicare il dischetto del rigore. Non occorre la VAR per assegnare il rigore. Sul pallone va Salah e, quando ormai siamo al 2′, con il sinistro fulmina Lloris. Una gioia immensa per l’egiziano. Il gol a freddo ha un effetto devastante sulla partita che diventa subito tattica. Il Tottenham accusa il colpo, cerca di reagire ma il Liverpool contiene e affonda solo sulle ripartenze senza sfondare il muro della difesa. Il primo tempo scivola via senza particolari sussulti, con ritmi blandi sperando nell’errore dell’avversario.

La ripresa inizia all’insegna del Tottenham, e non poteva essere diversamente. I Reds sono messi in difficoltà dalle avanzate di Rose ma senza pungere la squadra di Kloop. Il Liverpool pensa solo a gestire. Firmino, fuori dal match, esce per Origi. Pochettino che non riesce a pungere le prova tutte giocandosi la carta della disperazione con Llorente al posto di Alli. Nel finale il Tottenham cerca il gol del pareggio ma senza impensierir il Liverpool. Che grazie ad Origi a due minuti dal termine firma il  2-0. Il Liverpool è campione d’Europa per la sesta volta nella sua storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com