Students wave "Esteladas" as they march during a protest against the Spanish government announcement of implementing the article 155 in the Catalonia region, in Barcelona, Spain, Thursday Oct. 26, 2017. The Catalan parliament is due to meet to discuss Spanish government's plans to remove the leaders of the regional government. (ANSA/AP Photo/Emilio Morenatti) [CopyrightNotice: Emilio Morenatti]

Catalogna: Puigdemont convocherà le elezioni per evitare commissariamento

Ore convulse a Barcellona. La ipotesi di convocare elezioni anticipate per evitare il commissariamento di Madrid è sul tavolo del presidente catalano Carles Puigdemont, che finora sembrava avviato verso una dichiarazione di indipendenza.

Riunione fiume al palazzo della Generalità per cercare di delineare un accordo sulla risposta al premier spagnolo Mariano Rajoy. Secondo quanto riferisce Tv3 il presidente catalano intende sciogliere il Parlamento e convocare nuove elezioni per evitare l’attivazione dell’articolo 155 della costituzione, riferisce Tv3. La data delle elezioni potrebbe essere il 20 dicembre.

Al momento Puigdemont ha cancellato la dichiarazione istituzionale che avrebbe dovuto fare alle 14.30. Secondo Tv3 dovrebbe fare invece una dichiarazione in parlamento nel pomeriggio. Non sono note le ragioni.

La polizia catalana dei Mossos d’esquadra ha blindato la zona del parlamento a Barcellona prima dell’inizio della sessione, alle 17 questo pomeriggio, nella quale Puigdemont deve annunciare la risposta alla minaccia di commissariamento di Madrid. Gli agenti hanno chiuso il Parco della Cittadella che circonda il palazzo dell’assemblea. Una grande manifestazione indipendentista per la Repubblica è prevista domani alle 12.

La capogruppo socialista al Congresso Margarita Robles ha detto che se Puigdemont convocherà elezioni anticipate non dovrà essere attivato l’articolo 155 della Costituzione. La convocazione delle elezioni, ha detto, sarebbe una magnifica notizia e un trionfo per la democrazia.

La convocazione di elezioni anticipate da parte del presidente Carles Puigdmeont sarebbe ‘una slealtà’ ha avvertito l’ala sinistra del fronte indipendentista, la Cup. ‘Non obbedire al risultato del referendum e non dichiarare l’indipendenza sarebbe una slealtà’, ha detto il deputato della Cup Carles Riera.

I tre partiti del fronte indipendentista catalano – Erc, Pdecat e Cup – hanno convocato riunioni urgenti dei loro organi direttivi per valutare la decisione che, secondo diverse fonti, ha preso il presidente Carles Puigdemont di convocare elezioni anticipate.

E’ intanto in corso uno sciopero degli studenti per protestare contro l’attivazione dell’articolo 155. ‘Puigdemont traditore’ gridano gli studenti indipendentisti in un corteo che si avvicina al palazzo della Genreralità, dopo che si sono diffuse notizie sulla decisione del presidente catalano di convocare elezioni anticipate. Alcune centinaia di studenti che manifestavano contro l’art. 155 in piazza dell’Università si sono diretti verso il palazzo del governo catalano. Le vie di accesso però sono chiuse dalla polizia catalana.

Circa Redazione

Riprova

Bce e Lane: ‘La ripresa sarà lunga e piena di rischi

Il balzo dei contagi da Covid, nonostante la buona notizia dei vaccini, è “un avvertimento …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com