Galliani a Cassano: ” Ti teniamo il posto”

 

«Non voglio anticipare niente ma, presumibilmente, quattro-cinque-sei mesi e poi Antonio dovrebbe sicuramente riavere l’idoneità a giocare». Lo ha affermato l’ad del Milan Adriano Galliani lasciando l’ospedale Policlinico di Milano, dove Cassano è ricoverato da domenica scorsa. «Escludo che la sua carriera possa essere a rischio, quello che ci dicono i medici è che avrà bisogno di alcuni mesi, non tanto per guarire lui ma per la prassi» della medicina sportiva, ha continuato Galliani, spiegando che Cassano «sta bene, ha un piccolo problema cardiaco che ha provocato questa lieve sofferenza e nei prossimi giorni sarà sottoposto ad un intervento per la chiusura del forame ovale, e poi tra qualche mese la commissione della Federcalcio dovrà ridargli l’idoneità» per riprendere l’attività agonistica.

L’amministratore delegato della società di via Turati ha inoltre sottolineato che  Antonio non vede l’ora di tornare a giocare: «Ora è un fatto di prassi, di standard internazionali della medicina sportiva per riavere l’idoneità a giocare». «Sono stato molto preoccupato e da non medico ho detto ad Antonio “Nella disgrazia ti è andata di lusso”» ha proseguito Galliani spiegando che Cassano «scherza come al solito, gli manca il calcio: “Stavo facendo benissimo”, mi ha detto, e io gli ho risposto “stai tranquillo che ti teniamo il posto”».

 

Un comunicato odierno del Milan afferma che Cassano subirà un’operazione al cuore, a causa della “sofferenza cerebrale su base ischemica”, subita dall’attaccante rossonero. L’intervento  a cui si sottoporrà Cassano, è di cardiologia interventistica (chiusura del forame ovale).

”I tempi di recupero per il ritorno all’attività agonistica saranno meglio definiti dopo l’intervento, ma verosimilmente saranno di qualche mese”, aggiunge il Milan nel comunicato.

I tempi di recupero per il ritorno all’attività  agonistica saranno meglio definiti dopo l’intervento, ma verosimilmente saranno di qualche mese” afferma ancora il Milan.

Questa mattina Cassano ha ricevuto la visita del medico del Milan Rodolfo Tavana e dell’amministratore delegato del Milan Adriano Galliani, rientrati nella notte dalla trasferta di Minsk.

 

Ancora a far visita a Cassano, anche Ilary Blasi, la moglie del capitano della Roma Francesco Totti,   il capitano del Milan, Massimo Ambrosini e l’ex rossonero Stefano Eranio.

 

Circa mezz’ora èrimasto con Cassano Zlatan Ibrahimovic: come quando è  arrivato, anche quando e’ andato via la sua auto è  stata circondata dai fotografi, che poi’ peròsono stati allontanati dall’ufficio comunicazioni dell’ospedale e ora all’esterno del padiglione Monteggia sono presenti alcuni agenti delle forze dell’ordine, compresi un paio di carabinieri e alcuni agenti in borghese.

Di seguito il comunicato del Milan:

 

”AC Milan, in base ai rapporti medici del Policlinico di Milano, comunica che Antonio Cassano ha manifestato una sofferenza cerebrale su base ischemica. Gli esami strumentali e neuroradiologici hanno richiesto 72 ore per il loro svolgimento ed hanno evidenziato la sofferenza di un’area cerebrale circoscritta che non ha determinato deficit neurologici persistenti. La causa è stata identificata nella presenza di un forame ovale pervio cardiaco interatriale, evidenziabile solo con sofisticati esami specialistici. La tempestività della terapia instaurata ha permesso un rapido recupero e miglioramento delle condizioni cliniche che sono buone. Il calciatore – conclude la nota – verrà sottoposto nei prossimi giorni a un piccolo intervento di cardiologia interventistica (chiusura del forame ovale), i tempi di recupero per il ritorno all’attività agonistica saranno meglio definiti dopo l’intervento, ma verosimilmente saranno di qualche mese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com