Caso Grillo, Damiano dei Maneskin: ‘È stupro anche se viene denunciato dopo’

Il video rilasciato da Beppe Grillo a difesa del figlio, accusato di stupro, in cui il leader del M5s sostiene con la sua solita veemenza l’inconsistenza delle accuse (“Mio figlio non è uno stupratore, arrestate me piuttosto”), motivate soprattutto dal fatto che la presunta violenza non è stata denunciata subito, argomento molto caldo e discusso fin dai tempi del #metoo (ricordate Asia Argento?) ha sollevato inevitabilmente un gran polverone, e la presa di posizione di molti personaggi famosi.

Accanto a giornalisti e politici, anche diversi giovani, cantanti e influencer, hanno preso pubblica e social posizione. Tra questi Damiano, leader dei Maneskin, trionfatore dell’ultimo Sanremo, amatissimo dalle adolescenti e non solo, che sul proprio account Instagram ha pubblicato una stories in cui dice esplicitamente che ‘è stupro anche se viene denunciato dopo’.

Non sono io il pubblico ministero, e non sta a me giudicare l’innocenza o la colpevolezza, quello lo farà chi di dovere. Io voglio soltanto parlare alle persone che avvalorano la tesi secondo la quale se uno stupro viene denunciato dopo otto giorni allora non era stupro. Non è così

Ci sono persone, soprattutto donne che si rendono conto molto tempo dopo e trovano il coraggio di denunciare molto tempo dopo. Perché siamo abituati a pensare che molte cose siano legittime quando in realtà non lo sono e perché c’è un problema proprio di fondo e di educazione. Quindi vi prego di informarvi e di astenervi da dichiarazioni tanto disumane

Circa Redazione

Riprova

vincenzo de luca

De Luca e il coro dei salernitani dopo il ritorno in A: ‘Chi non salta napoletano è’

La Salernitana è tornata in A e, come riferisce il sito Fanpage,   – subito i …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com