Carceri: Alfano, Stato d’origine paghi vitto e alloggio agli immigrati in carcere

“Gli immigrati che vengono reclusi in carcere ledono il patto con lo Stato nel quale hanno deciso di andare a vivere. Per questo almeno il vitto e l’alloggio dei detenuti immigrati facciamolo pagare agli stati di provenienza”. E’ la proposta, che già fa discutere, lanciata dal il vicepremier e ministro dell’Interno, Angelino Alfano, nel corso di un confronto sull’emergenza carceraria con il ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, che si è tenuto al Meeting di Cl a Rimini.

Ricorda che l’Italia è un paese accogliente “sostituendoci a Malta nell’accogliere i migranti” ma, precisa il segretario del Pdl, “l’Italia non può essere dimenticata dall’Europa, e non può essere dimenticato che lo sforzo umanitario può porre un problema di sicurezza”. Un richiamo, dunque, all’Ue affinché il problema dei migranti venga affrontato su base europea e non lasciati sa soli i singoli paesi. Parlando del tema carcerario, il ministro dell’Interno propone anche la riforma della custodia cautelare evidenziando che il 25% di chi viene arrestato preventivamente, poi viene assolto nel processo. Un processo, in generale, che per il vicepremier deve essere ‘giusto’ e lo fa con un richiamo religioso. “L’esempio di Cristo ricorda ci ricorda l’esigenza di un giusto processo ed i limiti della giustizia popolare”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com