Canone Rai: da marzo cambia tutto. Chi ha 104 o familiare con 104 non deve più pagare

 

L’esenzione del canone Rai 2019 spetta anche ai titolari di Legge 104? Un tempo era così, poi non più, ma un emendamento in Legge di Bilancio potrebbe far tornare l’agevolazione per i disabili. L’emendamento è a firma delle senatrici del Movimento 5 Stelle Bianca Laura Granato e Agnese Gallicchio. L’esenzione dal pagamento del canone Rai sarebbe prevista non solo per i soggetti disabili, ma anche per le famiglie con soggetti con handicap a carico.

Per capire meglio la proposta occorre scoprire cosa dice testualmente l’emendamento M5S alla Legge di Bilancio 2019 sulla materia. Nella quale si introduce il comma 57-bis, dopo il comma 57, aggiungendo la seguente novità relativamente all’articolo 18 del regio decreto-legge 21 febbraio 1938, n. 246, poi diventato Legge n. 880/1938 e successive modificazioni.

“A decorrere dall’anno 2019, sono altresì esenti dal pagamento del canone i soggetti con disabilità riconosciuta ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, nonché i titolari di abbonamento nel cui nucleo familiare è presente un soggetto fiscalmente a carico con disabilità riconosciuta ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104. La richiesta di esenzione, unitamente al verbale di riconoscimento della grave disabilità, è inoltrata all’Agenzia delle Entrate, per mezzo di posta elettronica certificata, dalle associazioni di categoria che ne hanno la rappresentanza e la tutela”.
Sintetizzando quanto sopra riportato, quindi, l’esenzione dal pagamento del canone Rai non riguarderebbe tutti i soggetti con disabilità, ma solo quelli con handicap in situazione di gravità. Ovvero corrispondenti al profilo descritto nell’articolo 3, comma 3, della Legge 104/92. Nonché alle famiglie che hanno fiscalmente a carico i soggetti corrispondenti al medesimo profilo.

Per il momento non resta altro da fare che attendere che l’emendamento sia approvato e dunque venga ufficializzata l’esenzione. Seguiranno perciò importanti aggiornamenti a riguardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com