cof

Camorra: minacce e inganni per prestito usuraio, 6 indagati

I carabinieri a Napoli hanno notificato misure di custodia cautelare in carcere a carico di sei indagati (due gia’ detenuti e quattro, tra cui una donna, liberi) emesse dal dal gip partenopeo per estorsione aggravata dal metodo mafioso. L’indagine e’ nata dalla denuncia sporta a ottobre 2017 dal titolare di attivita’ commerciali che si era trasferito in provincia di Varese. Tra gli indagati, Salvatore D’Amico, alias ‘o pirata, esponente dell’omonimo gruppo con roccaforte a San Giovanni a Teduccio, articolazione del piu’ importante clan Mazzarella, e Massimiliano Baldassarre, detto ‘o serpente, ritenuto legato alla criminalita’ organizzata di Sant’Anastasia.

Il commerciante, cinque anni fa, trovatosi in gravi difficolta’ economiche, si era rivolto a un suo ex cognato per avere un prestito in danaro, 4.700 euro in totale, promettendo di restituire l’intero capitale piu’ 1.000 di interessi. Poi aveva chiesto al fratello di eseguire il pagamento per l’estinzione del debito; ma questi era stato ingannato da uno degli indagati, e, anziche’ consegnare il danaro a Baldassarre, che materialmente lo aveva dato, aveva portato 3.900 euro a D’Amico, che lo aveva anche minacciato di togliere le auto ai suoi parenti a Napoli. Cosi’ Baldassare aveva minacciato il commerciante perche’ restituisse la somma con altri 1.000 euro di interesse.

Circa redazione

Riprova

Governo, Renzi: “Complottismo è malattia, Draghi migliore di Conte”

Nessuna operazione men che mai segreta: ho lavorato alla luce del sole perche’ pensavo che …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com