Caltagirone, Scala illuminata, si costituisce (il 10 luglio il termine di presentazione) l’archivio dei disegni

Un bando per la costituzione dell’archivio dei disegni della Scala illuminata, l’evento apprezzato in tutto il mondo, che il compianto Salvatore Cardello definiva “incomparabile spettacolo” e che richiama ogni anno a Caltagirone migliaia di visitatori, è stato emesso dal Comune di Caltagirone “per acquisire disegni inediti – si sottolinea nel bando stesso – tra i quali poter scegliere quelli da realizzare nei giorni del 24 luglio e 14 agosto (disegno con soggetto floreale e/o ispirazione civica), 25 luglio (disegno con soggetto a ispirazione jacopea) e 15 agosto (disegno con soggetto a ispirazione mariana)”.

Il bando mira pure “ad acquisire nuove proposte nel segno dell’innovazione, sia nella tecnica di realizzazione che nella grafica, da mettere in atto non nelle quattro giornate istituzionali, ma in eventuali altre giornate da individuare”. E’ aperto ad artisti, amatori e dilettanti attratti dall’arte, dall’architettura, dalla cultura e della storia di Caltagirone. I disegni pervenuti – il termine di presentazione è fissato al 10 luglio – e valutati positivamente da una commissione tecnica costituiranno un fondo a cui l’Amministrazione comunale potrà annualmente accedere per scegliere quelli da realizzare, unitamente ad altri del passato, nei giorni in cui ricadono le festività di San Giacomo, patrono della città (24 e 25 luglio) e della compatrona Maria Santissima del Ponte (14 e 15 agosto). https://www.comune.caltagirone.gov.it/cms_bandi/default.aspx?1*606*0*1

“Diversi anni dopo l’iniziativa della locale Azienda autonoma soggiorno e turismo – sottolinea l’assessore alle Politiche culturali e Tradizioni, Antonino Navanzino – diamo vita a un archivio dei disegni con cui intendiamo valorizzare sempre di più la splendida e maestosa Scala illuminata. Inoltre, grazie a una pregevole idea dell’Associazione Architetti del Calatino, istituiamo una sezione dedicata ai disegni dell’innovazione. Il bando così concepito può quindi dare il giusto risalto ai disegni della tradizione, ma proietta pure la città e il suo evento – clou verso la modernità”. “Con lo spazio riservato ai disegni dell’innovazione – afferma il presidente dell’Associazione Architetti del Calatino, Marco Scebba – si segue un filone di grande interesse, destinato allo sviluppo di diversi, rilevanti spunti legati a tecniche nuove (per esempio, nell’accensione) e a grafiche non tradizionali. Si tratta di un’idea a cui crediamo molto, perché capace di determinare cospicue produzioni all’insegna della modernità”.

Per il sindaco Gino Ioppolo “la costituzione dell’archivio consentirà al Comune di disporre di un vasto e significativo patrimonio di disegni da utilizzare al meglio, nei giorni della tradizione (24 e 25 luglio, 14 e 15 agosto) per rendere la Scala illuminata sempre più bella e attrattiva. Ma la sezione dedicata all’innovazione, con disegni da realizzare in eventuali giornate diverse da quelle canoniche, nel contempo potrà rappresentare un motivo di utile confronto attraverso i linguaggi della contemporaneità, aprendo nuovi, importanti scenari”.

Circa Redazione

Riprova

Canone Rai, dietrofront: resterà nella bolletta elettrica

Se n’era parlato a inizio settimana, grazie al tam tam politico avviato da alcuni ambienti …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com