Calo di temperatura: 80 mila casi di stati influenzali

A causa dell’improvviso calo delle temperature, la scorsa settimana sono stati stimati 60 mila casi di stati influenzali e questa settimana si potrà arrivare fino ad 80 mila casi. A spiegarlo è Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università di Milano, che specifica come questi “erino virus” vengano facilmente presi a causa degli sbalzi termici come il cambio rapido delle temperature, che viene provocato anche dall’esagerato uso dei condizionatori climatici. Il passaggio dal freddo dell’aria condizionata alla calura che si percepisce nei mesi estivi, è dannosa soprattutto per i bronchi che sono maggiormente recettivi allo sviluppo di forme influenzali. Come avviene nella maggior parte dei casi, i soggetti più colpiti sono i bambini e gli anziani “Le persone di una certa età – dichiara Pregliasco – preoccupano di più perché hanno i polmoni provati”. I consigli per evitare di raffreddarsi sono quelli tradizionali: non dimenticarsi mai di lavare spesso le mani, evitare i sbalzi di temperatura e vestirsi “a cipolla”.

Giovanna Laudato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com