Calderoli: Hanno chiesto alla Lega voti per un nuovo governo

L’idea di una maggioranza alternativa a quella delle larghe intese sostenuta da Pd-Pdl e Scelta Civica per un Letta bis prende sempre più quota. Da giorni si parla di contatti, ammiccamenti, richieste di disponibilità per trovare i numeri al Senato nel caso di una fuoriuscita dalla maggioranza del Popolo delle Libertà come diretta conseguenza della decadenza di Silvio Berlusconi. I voti sono tutti sempre bene accetti e tutti utili alla causa. Non fa niente se fino a qualche minuto prima se le sono dette di santa ragione. D’altronde il passaggio della quaglia potrebbe essere sempre giustificato con il divieto del vincolo del mandato imperativo, costituzionalmente sancito. Insomma, quale migliore giustificazione ad un cambio di casacca. Ma nessuno ha il coraggio di denunciare il solito ‘mercato delle vacche’. Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato in quota Lega Nord ma soprattutto papà del ‘Porcellum’, ha trovato il coraggio di denunciare davanti ai militanti del suo partito una campagna acquisti in atto al Senato. “Sono venuti a chiedermi i voti dei nostri senatori per un altro governo ma noi non glieli daremo mai. Ho detto sì, se ci date la presidenza del Consiglio e un pò di ministeri importanti. Ma va a ciapa i ratt. Non glieli daremo mai, sarebbe un tradimento dei nostri militanti e poi, con tutto rispetto, ci vedete in Consiglio dei ministri a fianco della Kyenge?”, dice alla a margine della Festa dei popoli padani ai piedi del Monviso. “Al di là delle dichiarazioni – ha aggiunto Calderoli – che fanno sulla durata del governo e sulla sua stabilità, sono venuti a chiedere i nostri voti, che al Senato sarebbero un numero perfetto per integrare la maggioranza che dovesse venir meno con l’uscita del Pdl. Vuol dire che ci stanno già pensando e se lo hanno fatto con noi lo stanno facendo anche con altri. La campagna acquisti non c’è solo nel calciomercato”. Calderoli ha poi ribadito che “non siamo disponibili a sostenere alcun governo che in questo momento possa passare. Stanno massacrando di tasse il Paese, soprattutto il nord”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com